Marco Bussetti Presidi Scuole Sud
Politica
9 Febbraio Feb 2019 1508 09 febbraio 2019

Bussetti invita i prof del Sud a impegnarsi di più: è polemica

Il ministro dell'Istruzione nel mirino dei presidi: «Nel Mezzogiorno le scuole sono avamposto dello Stato». Duri i pentastellati campani: «Chieda scusa». Poi la precisazione del politico.

  • ...

È polemica sulle parole del ministro dell'Istruzione Marco Bussetti che l'8 febbraio, durante una visita in Campania, aveva dichiarato: «Al Sud dico: non vi servono solo più fondi, che non mancheranno, dovete anche credere di più in voi stessi. Nelle vostre eccellenze». Aggiungendo: «Saremo vicini alle istituzioni scolastiche e alle realtà formative del Sud. Ma occorre che tutte le istituzioni del territorio facciano la loro parte. Ci vogliono impegno, lavoro, sacrificio e bisogna credere molto in quello che si fa». A un cronista che lo intervistava su come recuperare il divario con il Nord, il ministro aveva usato toni ancora più secchi. Sorvolando su nuovi fondi, aveva risposto: «Serve più sacrificio, più lavoro, più impegno. Vi dovete impegnare forte».

LA PRECISAZIONE SU FACEBOOK DI BUSSETTI

«Leggo post e commenti infiammati sulle mie parole di ieri ad Afragola, in Campania. Un video decontestualizzato che sta girando sul web viene usato per rappresentare un Ministro ostile al Mezzogiorno, alle sue donne e ai suoi uomini. E io non lo sono. Sarebbe ridicolo pensarlo», ha scritto sul suo profilo Facebook Marco Bussetti. Il ministro ha poi aggiunto: «Per me il Sud è sempre stato al centro della mia azione. Tutto si può dire tranne che io sia un Ministro che guarda con disprezzo al Sud. Credo che i fatti parlano da soli».

DI MAIO: «HA DETTO UNA FESSERIA, ORA LE SCUSE»

Non sono mancate nemmeno le critiche da parte di Luigi Di Maio. Il vicepremier, su Facebook, ha scritto: «se un ministro dice una fesseria sulla scuola, chiede scusa. Punto. Venire in una delle aree più in difficoltà d'Italia a dire - usando il "voi" - che per ridurre il gap nelle scuole del Sud "vi dovete impegnare di più" farebbe girare le scatole anche ad un asceta. Figurarsi gli insegnanti!». Poi il contrattacco: «Caro Marco, siamo noi al Governo che evidentemente dobbiamo impegnarci sempre di più. Soprattutto sulla scuola, che richiede interventi storici per le condizioni veramente indegne in cui versano tante strutture».

Se un Ministro dice una fesseria sulla scuola, chiede scusa. Punto. Venire in una delle aree più in difficoltà d’Italia...

Geplaatst door Luigi Di Maio op Zaterdag 9 februari 2019
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso