Italia Recessione
L'Italia in recessione
Di Maio Fitch Elezioni Anticipate
Politica
23 Febbraio Feb 2019 1729 23 febbraio 2019

Di Maio replica a Fitch e nega le elezioni anticipate

Il vicepresidente del Consiglio sulle preoccupazioni delle agenzie di rating: «Le nostre politiche hanno prospettive di 5 anni». E su Blutec: «Rispetti lo Stato».

  • ...

Il governo non chiuderà i battenti dopo le elezioni europee. Ad assicurarlo è il ministro del Lavoro e vicepresidente del Consiglio Luigi Di Maio, in risposta alle previsioni dell'agenzia di rating Fitch, che il 22 febbraio aveva confermato il BBB con outlook negativo al debito pubblico italiano, affermando però il rischio che il Paese dovesse ricorrere a elezioni anticipate dopo le Europee. Preoccupazione peraltro condivisa anche da Moody's. Parole che hanno incontrato la replica immediata di Di Maio: «Ogni politica che stiamo portando avanti ha una prospettiva di 5 anni», ha detto il vicepresidente del Consiglio parlando con i cronisti a Termini Imerese, dove ha incontrato gli impiegati della Blutec, «non sono quindi d'accordo con Fitch: non ci saranno le elezioni in Italia dopo quelle europee».

BLUTEC: CASSA INTEGRAZIONE PER 6 MESI

Per quanto riguarda il caso Blutec, che coinvolge 700 dipendenti, Di Maio ha garantito la cassa integrazione per 6 mesi, ma ha detto: «Non è solo una vertenza ma una questione di rispetto dello Stato. Entro le prossime settimane erogheremo gli ammortizzatori sociali fino a giugno, ma Blutec deve rispettare lo Stato che ha erogato soldi pubblici». Sul fatto che Honda e Nissan possano poi portare i loro stabilimenti nel comune siciliano, Di Maio ha detto: «Datemi il tempo di verificare le voci. Nelle prossime settimane incontrerò soggetti economici che stanno mostrando interesse per l'Italia a causa della Brexit». A lanciare l'appello al ministro del Lavoro, due giorni prima della sua visita a Termini Imerese, era stata la Fiom.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso