Salvatore Rossi Bankitalia

In Bankitalia traballa la poltrona del dg Salvatore Rossi

Il presidente dell'Ivass avrebbe incontrato alti esponenti del governo, nel tentativo (vano) di ottenere garanzie. Ora la palla passa al governatore Visco.

  • ...

Nel vertice di governo che si è tenuto martedì 26 febbraio a Palazzo Chigi, il tema delle nomine ha tenuto banco. Ma mentre è andata via liscia la parte riguardante le controllate di Cassa Depositi e Prestiti (Cdp), dopo che Matteo Salvini ha chiesto e ottenuto il via libera alla riconferma di Peppino Bono e Giampiero Massolo in Fincantieri e conseguente riconferma degli uscenti in Snam, Italgas e Ansaldo Energia, molto animata è stata invece la discussione sui tre membri del direttorio di Banca d’Italia in scadenza.

Proprio quel giorno il premier Giuseppe Conte se ne era uscito, in una mega intervista al Sole 24 Ore, con una dichiarazione sibillina ma facilmente intelligibile: «Il governo sarà sensibile verso segnali di rinnovamento provenienti da Bankitalia». Lo schema di gioco era il solito: Giovanni Tria conservativo e il duo Salvini-Di Maio pronti a dar fuoco alle polveri. Ma mentre si considerava ormai necessario sbloccare la riconferma di Federico Signorini, già scaduto nei giorni scorsi, tanto che nel frattempo ha fatto i cartoni e in via Nazionale non si è più visto, la discussione ha riguardato le scadenze, in maggio, di altri due membri del direttorio.

VALERIA SANNUCCI NON SAREBBE INTERESSATA A RESTARE AL SUO POSTO

Una è Valeria Sannucci (65 anni), che però voci di corridoio vogliono non essere interessata a rimanere al suo posto – e sembra che il governatore Ignazio Visco questa circostanza l’abbia già fatta sapere a Conte, informalmente tramite Piero Cipollone (dirigente di Bankitalia distaccato a Palazzo Chigi) –, mentre l’altro è il direttore generale, nonchè presidente dell’Ivass, Salvatore Rossi (70 anni), che attende di capire il suo destino. Ed è ovviamente proprio su Rossi che si moltiplicano dicerie e fantasie. La più insistente è che avrebbe incontrato i massimi esponenti del governo – una voce incontrollata parla di un incontro segreto con Giggino Di Maio – senza però ottenere le garanzie sperate. Ora tutto dipende dall’atteggiamento che vorrà assumere Visco: lo riproporrà e ne difenderà la riconferma come ha fatto prima con il vicedirettore Fabio Panetta – che spera di sostituire Rossi – e poi con Signorini, oppure ne offrirà la testa ai lanzichenecchi del governo, consentendo loro che la esibiscano come trofeo elettorale proprio alla vigilia del voto europeo?

Quello di cui si scrive la rubrica Corridoi su Lettera43.it lo dice il nome. Una pillola al giorno: notizie, rumors, indiscrezioni, scontri, retroscena su fatti e personaggi del potere alla vigilia di una tornata di nomine particolarmente calda.

4 Marzo Mar 2019 1000 04 marzo 2019
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso