Alleanza Pd M5s News

Perché l'alleanza Pd-M5s sarebbe la morte della sinistra

Governare con i cinque stelle avrebbe dato ai dem un ruolo ancillare senza disinnescare politiche reazionarie e anti sviluppo. E Salvini leader dell'opposizione ora sarebbe più forte.

  • ...

L’articolo dedicato al rapporto fra M5s e Pd è stato molto discusso. Il titolo, fedelmente ripreso dal mio testo, che proclamava che sui grillini avesse avuto ragione Matteo Renzi e torto Massimo D’Alema, accanto a evidenti consensi, ha sollevato dissensi di vario tipo. Alcuni divertenti, come quelli che sostengono che Renzi non può mai aver ragione. Altri, invece, dedicati al tema del pericolo di destra che, con Matteo Salvini al governo, si è amplificato mentre un’alleanza Pd-cinque stelle e avrebbe emarginato l’ala xenofoba e sovranista.

Non intervengo nel merito della “questione Renzi” e tanto meno su chi pretende che io sia diventato renziano o che lo sia sempre stato, ancorché camuffato. Sono cretinate e voltiamo pagina. Né mi interessa stabilire il tasso di dalemismo dei miei pensierini. Ho scritto più volte che l’amicizia e l’affetto fra me e D’Alema non escludono contrasti su questioni politiche. Fra persone libere ci si confronta.

UN'ALLENAZA CON IL M5S AVREBBE UCCISO DEFINITIVAMENTE IL PD

Torniamo così alla questione principale che riguarda in parte ieri, ma parla molto di oggi. La mia convinzione è che il governo Pd-M5s sarebbe stato, al pari del governo M5s-Lega, una rovina del Paese ma soprattutto la rovina definitiva della sinistra. Il Pd è uscito mortificato dal voto e consegnato dal voto stesso a un'area non di governo. Andare al governo caparbiamente, anche quando gli elettori non vogliono che tu stia lì, è segno di straordinaria ottusità.

I sostenitori del governo Pd-M5S sostengono che Salvini, fuori dal governo, si sarebbe sgonfiato ovvero sarebbe rimasto alle cifre del voto scorso. Illusi

Governare con i cinque stelle in posizioni di dominio avrebbe dato al Pd un ruolo ancillare su tante questioni senza evitarci il dramma dell’intolleranza, dell'odiosità di politiche anti-immigrazione e securitarie, che i pentastellati non hanno subito da Salvini ma che hanno accettate perché connaturate alle scelte reazionarie di Grillo e Casaleggio, primo e secondo. Sulle politiche dello sviluppo il Pd avrebbe dovuto condividere tutte le idiozie anti-sviluppiste del M5s e condannare una grande storia della sinistra del lavoro e del progresso alla morte civile. E Matteo Salvini? I sostenitori del governo Pd-5stelle sostengono che il leader del Carroccio, fuori dal governo, si sarebbe sgonfiato ovvero sarebbe rimasto alle cifre del voto scorso. Illusi. Consegnare la bandiera di tutta l’opposizione a Salvini l’avrebbe portato alle cifre di oggi e persino a qualche decimale in più.

IL MOVIMENTO 5 STELLE NON HA AFFIDABILITÀ DEMOCRATICA

Questa comunque è una discussione su ieri. E oggi? Non ho cambiato idea. Non c’è nessun segno nel gruppo dirigente del Movimento 5 stelle di affidabilità democratica. Continuano protervi a sostenere le loro quattro idee comprate al mercato dell’usato. Sono intolleranti e poco affidabili democraticamente. Non hanno in testa alcuna idea di Paese. Gliela possiamo mettere noi con i nostri “grandi” leader? Pia illusione. Presuntuosa illusione.

Il vicepremier e capo politico del M5s Luigi Di Maio.

C’è, invece, da percorrere la strada più difficile che abbiamo iniziato a intraprendere: movimenti politici di massa su temi valoriali, lotte per il lavoro e lo sviluppo, immissione di gioventù nel Pd, contenimento dello scontro interno. Mi fido di Nicola Zingaretti perché, se ho capito bene, queste cose vuole fare. Se invece cerchiamo di prendere la scorciatoia e immaginarci in un governicchio con la banda di Luigi Di Maio, tutto questo lavoro andrà a farsi benedire. Non bisogna avere fretta. I cinque stelle stanno cadendo. Salvini non ce la farà, una volta leader di tutta la destra vittoriosa, a governare a lungo. Ora gli va tutto bene perché fa casino. Quando dopo dovrà costruire, verrà fuori che non è capace.

11 Marzo Mar 2019 0947 11 marzo 2019
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso