Europee 2019
Europee 2019
Elezioni Europee 2019 Lega Università Pisa

I leghisti all'Università di Pisa con i soldi per gli studenti

Tra le attività autogestite finanziate con i fondi dell'Ateneo incontri con Salvini, Centinaio e Siri che si terranno «alla fine di aprile». Ovvero in piena campagna elettorale per le elezioni europee 2019.

  • ...

La Lega cala sull'Università di Pisa a ridosso delle elezioni europee. E, a quanto si apprende, si fanno pure pagare sui fondi per le attività studentesche. Matteo Salvini, il ministro dell'Agricoltura Gian Marco Centinaio, il sottosegretario Armando Siri, la sindaca di Cascina Susanna Ceccardi (nota alle cronache per aver distribuito alle cittadine lo spray al peperoncino per aumentare la sicurezza) e la senatrice Rosellina Sbrana sarannno protagonisti e protagoniste di altrettanti incontri in Ateneo organizzati dall'associazione studentesca Mut - Movimento universitario toscano, associazione contigua alla Lega. Il finanziamento è stato approvato dal Consiglio degli studenti l'11 marzo, causando la protesta di alcuni movimenti di sinistra, tra cui Exploit Pisa. Tra gli incontri promossi dall'associazione ce n'è anche uno con Emanuele Filiberto di Savoia sul tema della monarchia.

L'UNIPI CONFERISCE FONDI PER LA CAMPAGNA ELETTORALE DI SALVINI Durante l'ultima seduta del consiglio degli studenti,...

Geplaatst door Exploit Pisa op Maandag 11 maart 2019

«Pensiamo che questo sia un fatto grave e da condannare per molteplici ragioni. Innanzitutto, non possiamo che indignarci di fronte al fatto che le nostre tasse vengano utilizzate per sostenere la campagna elettorale del capo di un partito di governo. Oltre a ciò, non possiamo permettere che un ministro razzista, nonché esponente di un partito xenofobo e sessista, lo stesso partito di Fontana e di Pillon, possa trovare libertà di parola all'interno della nostra università» scrive l'associazione sul social network. Se la seconda parte della critica avanzata dall'associazione è prettamente politica, sulla prima parte la tempistica degli incontri fa in effetti sorgere qualche dubbio. «Le date precise degli incontri non sono ancora state fissate - spiega il responsabile comunicazione del Mut Emanuele Urselli - ma saranno indicativamente a fine aprile. Con questi incontri vogliamo spezzare il monopolio della sinistra all'Università di Pisa». A questo link sono scaricabili tutte le attività studentesche finanziate dalll'Ateneo quest'anno. A un primo esame pare che solo il Mut abbia deciso di invitare personalità politiche. «Alla campagna elettorale non avevamo nemmeno pensato, gli invitati parleranno di temi di interesse generale, che non sono né di destra né di sinistra». E, tuttavia, non ci sarà contradditorio: «Magari la prossima volta inviteremo anche politici di altri partiti».

I SOLDI SAREBBERO DESTINATI ALLA VITA SOCIALE E ALLO SVILUPPO CULTURALE

La sindaca Ceccardi interviene sul tema della sicurezza, il sottosegretario Siri sulla flat tax, Centinaio sulle politiche agricole e Matteo Salvini - guarda un po' - su "Il ruolo dell'Italia in Europa". Per ognuno di questi incontri l'associazione aveva chiesto all'Università un contributo di circa mille euro. L'università ne ha riconosciuti 390. Soldi che, si legge nel regolamento, devono essere utilizzati al 70% per l'ospitalità al conferenziere. «Non mi sono occupato personalmente della questione rimborsi ma credo che sì, gli uffici dei ministri sono stati avvisati del fatto che è previsto un rimborso. Se i soldi non saranno utilizzati, saranno restituiti alll'Ateneo» spiega Urselli. Ma non chiamatela campagna elettorale fatta con i soldi previsti per la «promozione di attività studentesche autogestite inerenti la vita sociale, lo sviluppo culturale, l’attività sportiva e la gestione del tempo libero».

LA REPLICA DEL RETTORE: «PREDISPORREMO CONTROLLI»

Il rettore Paolo Mancarella, interpellato da Lettera43.it, spiega: «Premetto che è il Consiglio degli Studenti, organo dell’Università di Pisa dotato di autonomia riconosciuta dallo Statuto, che ha il potere di decidere l’assegnazione dei contributi per le attività studentesche. Tutte le attività studentesche, tra le quali anche quelle da lei citate, sono state finanziate dal Consiglio degli Studenti con apposita delibera. Entrando nel merito, le attività che lei cita non appaiono attività di propaganda politica, tant’è che il Consiglio degli Studenti ne ha approvato il finanziamento. Va da sé che questo Ateneo predisporrà le opportune misure di controllo, anche alla luce delle imminenti scadenze elettorali, per garantire il rispetto del principio di neutralità dell’Università rispetto alle dinamiche partitiche del Paese».

11 Marzo Mar 2019 1814 11 marzo 2019
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso