Sergio Mattarella Cambiamenti Climatici Conseguenze Italia

L'appello di Sergio Mattarella contro il cambiamento climatico

Il presidente della Repubblica, in visita nelle zone colpite dal maltempo in Veneto dello scorso ottobre, ha ribadito che siamo «sull'orlo di una crisi climatica globale». E sugli accordi per il clima dice: «Risultati ancora insufficienti».

  • ...

«Siamo sull'orlo di una crisi climatica globale, per scongiurare la quale occorrono misure concordate a livello globale», l'appello, senza giri di parole, è arrivato dal presidente Sergio Mattarella, in visita al memoriale della tragedia del Vajont a Longarone nel Bellunese . «È il senso», ha aggiunto, parlando alla commemorazione della tempesta in Veneto dello scorso orrobre, «della sollecitazione sottoscritta, nell'autunno scorso, da alcuni Capi di Stato europei. Gli sforzi compiuti nelle conferenze internazionali che si sono succedute hanno, sin qui, conseguito risultati significativi ma parziali e ancora insufficienti».

«CI SONO CHIARI I MUTAMENTI CLIMATICI IN ATTO»

«Mai», ha detto ancora il presidente, «come in occasione della tempesta Vaia è stato chiaro all'opinione pubblica italiana, che i mutamenti climatici in atto nel mondo comportano effetti pesanti anche sull'ambiente del nostro Paese e sulle condizioni di vita della nostra popolazione. Sentire parlare della desertificazione di ampie fasce delle terre africane o dei violenti tifoni nei Caraibi, sulla costa occidentale degli Stati Uniti o in Asia, appariva qualcosa di remoto, che non ci riguardava».

«NESSUNA GIUSTIFICAZIONE PER LA NONCURANZA AMBIENTALE»

Sui disastri ambientali, ha continuato il presidente, «limitarsi a evocare la straordinarietà di fatti che si affacciano prepotentemente, per giustificare noncuranza verso una visione e progetti di più lungo periodo, è un incauto esercizio da sprovveduti». «È giusto che sia la montagna, grande questione nazionale, assieme a quella di tutte le aree interne, a proporci, ancora una volta, il tema delle risorse naturali di questo nostro Paese, della loro tutela, della garanzia ai cittadini della 'sicurezza dei territori' in cui vivono», ha aggiunto. «Qui in Veneto», ha ricordato, «abbiamo avuto un positivo esempio di come la attivazione, in via preventiva, della rete di Protezione civile abbia potuto mitigare le conseguenze del disastro sulle persone, sulla base di accurate previsioni meteorologiche».

L'APPELLO PER LA MONTAGNA

«Il territorio del nostro Paese è fragile e le conseguenze dell'abbandono dei territori, verificatosi sulle Alpi e sugli Appennini, vengono pagate a caro prezzo anche dagli insediamenti urbani e produttivi in pianura», ha detto ancora il presidente, «Occorre proseguire sulla strada di iniziative per la salvaguardia degli assetti idro-geologici. Queste iniziative sono state ampiamente delineate dal Parlamento in questi decenni ed è necessario un impegno condiviso delle istituzioni ai vari livelli per svilupparli e attuarli concretamente. La tutela ambientale e idro-geologica è amica delle persone, ne salvaguarda la vita e difende così il futuro delle nostre comunità, accompagnata, come deve essere, da un uso razionale e sostenibile delle risorse esistenti nell'area». Per Mattarella quindi «il rilancio di una politica per la montagna e le popolazioni che la abitano vanno non solo nella direzione della effettiva affermazione della eguaglianza tra cittadini della Repubblica, ma rappresenta una sfida per il recupero pieno di aree abbandonate o sottoutilizzate, preziose per il processo di crescita dell'intero nostro Paese. È una consapevolezza che trova diffusione anche a livello continentale, confermata dalla collaborazione nell'ambito di 'Euregio senza confini' della Regione Veneto, di quella del Friuli Venezia Giulia, con il Land della Carinzia. Quest'anno, inoltre, sarà esercitata dalla Lombardia la presidenza di Eusalp che costituisce, sin qui, l'ambito più ampio di cooperazione tra Regioni, Stati e Unione Europea in materia di montagna».

12 Marzo Mar 2019 1321 12 marzo 2019
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso