Reddito Di Cittadinanza Spada

Arriva la norma anti Spada nel reddito di cittadinanza

Niente assegno a chi è colpito da una misura cautelare, ai latitanti, a chi ha subito una condanna anche in via non definitiva. Nei giorni scorsi le polemiche per le richieste da parte di membri del clan di Ostia.

  • ...

Dopo la polemica legata alla richiesta da parte di alcuni membri del clan degli Spada del reddito di cittadinanza, arriva un emendamento al decretone presentato dalle relatrici Dalila Nesci (M5s) e Elena Murelli (Lega) che stoppa l'erogazione del reddito e della pensione di cittadinanza a chi ha subito una misura cautelare personale, «anche adottata all'esito di convalida dell'arresto o del fermo», o una condanna «anche non definitiva». La sospensione vale anche per i latitanti o per chi «si è sottratto volontariamente all'esecuzione della pena».

LEGGI ANCHE: Intesa sulle assunzioni dei navigator per il reddito di cittadinanza

IL NODO DEL REDDITO PER I DISABILI

Le Commissioni Lavoro e Affari sociali della Camera hanno esaminato per un paio d'ore nella mattina del 13 marzo gli emendamenti al decretone su reddito e pensioni, bocciando molte proposte ed accantonando quelle su cui è necessario un approfondimento. Le votazioni si sono quindi interrotte per consentire ai deputati di partecipare ai lavori dell'Aula. Sono attesi per il primo pomeriggio gli emendamenti del governo che dovrebbero fare una sintesi delle proposte avanzate da tutti i gruppi sui disabili e proporre una riforma della governance dell'Inps, con la figura del vicepresidente.

COSA AVEVA DETTO DI MAIO

Quando si era diffusa la notizia - grazie a una segnalazione da parte della Cisl - del fatto che almeno tre membri del clan Spada si erano rivolti ai Caf per richiedere il reddito di cittadinana, il ministro del Lavoro Luigi Di Maio aveva così commentato: Leggo che alcuni membri del clan Spada avrebbero avanzato richiesta. Non so se è vero, ma posso garantire che chi fa parte del clan Spada non prenderà un solo euro. Nemmeno uno! Ho già chiesto personalmente di fare le opportune verifiche sul caso».

13 Marzo Mar 2019 1134 13 marzo 2019
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso