Europee 2019
Europee 2019
Elezioni Europee Pisapia Candidato
Politica
14 Marzo Mar 2019 1735 14 marzo 2019

Pisapia è pronto a candidarsi alle elezioni europee

L'ex sindaco di Milano potrebbe capeggiare le liste del Pd e di Siamo Europei. Zingaretti esulta: «Ricostruiamo una speranza per cambiare l'Europa, con la passione e l’impegno civile».

  • ...

Giuliano Pisapia è pronto a candidarsi alle prossime elezioni europee in una lista aperta. «Credo ci siano dei momenti in cui è necessario partecipare, insieme a tanti altri, a un movimento di idee e di persone che si impegna per salvaguardare ed estendere i diritti che caratterizzano il nostro continente», ha detto l'ex sindaco di Milano. Da tempo si parlava di una sua possibile discesa in campo. E il nuovo segretario del Pd, Nicola Zingaretti, aveva anche proposto il suo nome durante le primarie dem, come possibile capolista. Ora Pisapia ha rotto ufficialmente gli indugi: «Le prossime elezioni rappresentano un momento decisivo per il futuro, si confronteranno visioni opposte dell'Europa e del nostro Paese, per questo credo sia necessario impegnarsi perché si affermino i valori dell'inclusione, della dignità delle persone, delle tutele del lavoro e dello sviluppo economico e sociale che sono messi in discussione, non solo in Italia, come mai è accaduto in passato. Se sarà utile sono quindi disponibile a far parte di una lista aperta che rappresenti proprio questi valori». Zingaretti non ha nascosto la sua soddisfazione: «Felice per le parole di Pisapia. Ricostruiamo una speranza per cambiare questa Europa, con la passione e l'impegno civile di Giuliano e di tante altre persone».

Alle prossime europee è sempre più probabile che il simbolo del Pd venga affiancato da quello del manifesto lanciato da Carlo Calenda "Siamo Europei". E gli stessi Pisapia, Calenda e Massimo Cacciari potrebbero essere capilista. Del raggruppamento dovrebbe far parte anche Italia Civica, la lista organizzata dal sindaco di Parma Federico Pizzarotti, e i Verdi, insieme a Possibile di Pippo Civati. Non ci sarà invece Più Europa. Il rifiuto è arrivato dall'incontro fra Emma Bonino, Benedetto Della Vedova e Bruno Tabacci con Zingaretti. Più Europa correrà da sola. Per quanto riguarda infine Articolo 1 - Mdp, Pier Luigi Bersani e Roberto Speranza guardano con molto interesse al nuovo Pd. E anche il governatore toscano Enrico Rossi invita all'unità e dice che si può collaborare con Calenda.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso