Regionali 2019
Regionali 2019
Elezioni Basilicata 2019 Liste

Quali sono le liste candidate alle elezioni regionali 2019 in Basilicata

Quattordici formazioni e quattro candidati governatore. No al voto disgiunto, sì alla doppia preferenza di genere. Una guida alle consultazioni del  24 marzo. 

  • ...

In Basilicata il 24 marzo si vota per il rinnovo del Consiglio regionale. Quattordici le liste in corsa sia per la circoscrizione di Matera sia per quella di Potenza che sostengono quattro candidati governatore. La coalizione di centrodestra corre unita: Lega Salvini Basilicata, Fratelli d'Italia, Forza Italia per Bardi, Basilicata Positiva-Bardi presidente e Idea-Un'altra Basilicata. Il candidato è Vito Bardi, classe 1951, generale della Guardia di Finanza in pensione. Il centrosinistra raggruppa le Comunità democratiche (i dem più il Mdp di Roberto Speranza contrari alla ricandidatura di Marcello Pittella), Avanti Basilicata, Basilicataprima, Verdi-Realtà Italia, il partito socialista italiano, i progressisti per la Basilicata e Trerotola presidente. Il candidato alla presidenza è Carlo Trerotola. Farmacista, 62 anni, Trerotola era storicamente vicino al Movimento sociale. A sinistra corre invece il professore Valerio Tramutoli appoggiato dalla lista La Basilicata possibile. Il Movimento 5 stelle corre in solitaria puntando su Antonio Mattia.

«Quello di domenica 24 marzo in Basilicata è un referendum: sceglieranno i cittadini tra la vecchia politica, quella di Forza Italia e del Pd, che poi ogni tanto si ripulisce la faccia, e Antonio Mattia: non è solo un atto di svolta, qui in Basilicata significa iniziare un percorso insieme, perché ci sono tante cose che non sono a posto», ha detto il capo politico M5s e vicepremier Luigi Di Maio in visita a Policoro in provincia di Matera il 14 marzo 2019.

NO AL VOTO DISGIUNTO E SOGLIE DI SBARRAMENTO

Alle Regionali lucane è consentita la doppia preferenza di genere ma non è consentito il voto disgiunto: si potrà dunque mettere una croce sulla lista, sul nome del candidato presidente o su entrambi se collegati. La soglia di sbarramento per le liste non coalizzate è fissata al 3% dei voti su base regionale, mentre vengono ammesse alla ripartizione dei seggi quelle che fanno parte di una coalizione che raggiunge almeno l'8%. Se la coalizione non raggiunge questa soglia, passano le liste che ne fanno parte e che abbiano conquistato almeno il 4% dei consensi.

IL PREMIO DI MAGGIORANZA IN BASILICATA

È previsto anche un premio di maggioranza. Se il candidato governatore conquista almeno il 40% dei voti le liste che lo sostengono ottengono il 60% dei seggi: 12 meno quello del presidente eletto. In caso il candidato arrivasse al 30% alle liste collegate va il 55% dei seggi (11). Infine se il candidato presidente non arriva al 30% alle liste vanno 10 seggi, il 50% più quello del presidente. Le liste che sostenngono il candidato vincitore non possono superare il 70% dei seggi (14).

21 Marzo Mar 2019 0703 21 marzo 2019
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso