Patrocinio Congresso Famiglie Verona

Patrocinio dimezzato al Congresso delle famiglie di Verona

Nuova mediazione nel governo: il premier Conte chiede a Fontana di non utilizzare il logo della presidenza del Consiglio dei ministri, ma rimane la sponsorizzazione del ministero della Famiglia.

  • ...

Compromesso nel governo sul patrocinio al World Congress of families che si tiene a Verona dal 29 al 31 marzo: dovrebbe scomparire il logo della presidenza del Consiglio dei ministri ma rimanere quello del ministero della Famiglia. Dopo che il ministro Lorenzo Fontana ha confermato in parlamento che non gli era mai stato richiesto il ritiro dell'utilizzo del logo - smentendo così le indiscrezioni che fonti vicine al M5s avevano fatto filtrare nei giorni scorsi - adesso il premier Giuseppe Conte annuncia la mediazione con un post su Facebook.

CONTE: «A FONTANA HO DETTO CHE NON ERA OPPORTUNO»

«Il patrocinio» sul World Congress of families «è stato concesso dal ministro Lorenzo Fontana, di sua iniziativa, nell'ambito delle sue proprie prerogative, senza il mio personale coinvolgimento né quello collegiale del governo. All'esito di un'approfondita istruttoria e dopo un'attenta valutazione dei molteplici profili coinvolti, ho comunicato al ministro Fontana la opportunità che il riferimento alla Presidenza del Consiglio sia eliminato e gli ho rappresentato le ragioni di questa scelta».

«MA POTRÀ UTILIZZARE IL LOGO DEL SUO MINISTERO»

E tuttavia «rimarrà il patrocinio con esclusivo riferimento al ministero della Famiglia e ovviamente ciascun esponente del governo sarà libero di partecipare all'evento, esprimendo le proprie convinzioni sui vari temi che saranno oggetto di discussione. È importante chiarire che alla mia attenzione e a quella dei miei uffici non è mai giunta alcuna richiesta di patrocinio da parte degli organizzatori dell'evento e che il patrocinio è stato concesso dal Ministro per la famiglia e la disabilità, Lorenzo Fontana, di sua iniziativa, nell'ambito delle sue proprie prerogative, senza il mio personale coinvolgimento né quello collegiale del governo».

FONTANA: «CONFERMATA LA MIA LINEA»

«Esattamente come annunciato ieri in aula alla Camera, rimane il patrocinio da parte del ministero della Famiglia. Per quanto riguarda il logo e il suo utilizzo, essi fanno capo ad un altro Dipartimento, e quindi la concessione o il ritiro non sono di mia competenza» ha dichiarato Fontana.

21 Marzo Mar 2019 2053 21 marzo 2019
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso