Ilva Taranto Inquinamento Ambientale

Costa apre a una revisione dell'autorizzazione per l'Ilva

Dopo l'allarme per la risalita degli inquinanti, il ministro dell'Ambiente si dice disponibile. Ma prima è necessario che la Regione Puglia effettui una nuova valutazione della qualità dell'aria nella città di Taranto.

  • ...

Il ministero dell'Ambiente è disponibile a rivedere l'autorizzazione integrata ambientale sull'ex Ilva di Taranto, dopo l'allarme a causa della risalita negli ultimi mesi di una serie di sostanze inquinanti, compresa la diossina.

SERVONO NUOVE ANALISI DELLA QUALITÀ DELL'ARIA

L'Arpa Puglia, tuttavia, pur confermando la risalita, ha già chiarito che tutti i parametri rilevati sono ancora nei limiti fissati dalle norme. Per avviare il riesame dell'autorizzazione, ha spiegato il ministero, occorre quindi che l'agenzia della Regione per la protezione ambientale effettui una nuova valutazione della qualità dell'aria, condizione «alla quale devono allinearsi tutte le autorizzazioni ambientali rilasciate». Il ministro Sergio Costa, rispondendo alla richiesta avanzata l'8 marzo dal governatore Michele Emiliano, ha detto di comprendere «la giusta preoccupazione per la salute dei cittadini». E ha ribadito «piena collaborazione per la realizzazione in tempi solleciti di un percorso di revisione». Costa ha quindi ricordato che di recente sia la Regione Sicilia, sia la Regione Liguria, dopo aver evidenziato «motivate criticità», abbiano imposto «misurazioni più stringenti», sulla base delle quali «si è provveduto a effettuare il riesame delle autorizzazioni integrate ambientali statali».

26 Marzo Mar 2019 1228 26 marzo 2019
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso