Paolo Arata Mafia Siri Indagato

Chi è Paolo Arata, l'uomo al centro dello caso Siri

Ex parlamentare di Forza Italia, ora vicino alla Lega, ha rapporti ed entrature con politica, Chiesa e imprese. Secondo i magistrati era socio occulto del re dell'eolico Vito Nicastri.

  • ...

Arrivava ovunque Paolo Arata. Rapporti in politica di altissimo livello, chiamato dal leader della Lega Matteo Salvini a ideare il progetto del Carroccio sulle Energie, contatti eccellenti con cardinali che contano e persino rapporti con Steve Bannon, ex chief strategist della campagna elettorale di Donald Trump e vicedirettore di Goldman Sachs.

Ufficialmente docente di Ecologia, da qui la competenza sulle rinnovabili, ed ex parlamentare di Forza Italia, nell'ombra, dicono i pm di Palermo, era socio occulto di un imprenditore a dir poco chiacchierato: Vito Nicastri detto il 're dell'eolico', uno che le potenzialità delle energie alternative le ha intuite negli Anni 90 e che, per i magistrati, avrebbe costruito un impero potendo contare sui buoni rapporti con l'ultimo dei grandi latitanti mafiosi, il boss Matteo Messina Denaro. «La persona più brava dell'Eolico in Italia», diceva Arata di Nicastri non sapendo di essere intercettato. E, incurante del fatto che l'imprenditore fosse ai domiciliari per concorso in associazione mafiosa, era diventato suo socio tramite una serie di passaggi societari in diverse attività, tutte nel settore delle rinnovabili. Ora i pm gli contestano l'intestazione fittizia aggravata dall'avere agevolato Cosa nostra, oltre alla corruzione di una serie di dirigenti regionali utili per avere le autorizzazioni.

ARATA SPERAVA CHE SIRI ANDASSE AL MINISTERO DELL'ECONOMIA

Un business quello delle energie pulite in cui l'ex parlamentare aveva coinvolto anche il figlio Franco, che alla Capitale da mesi aveva preferito Alcamo, città in cui Nicastri era ai domiciliari. Per molto tempo il professore è stato "ascoltato" dai magistrati che hanno potuto avere un'idea della enorme rete di relazioni da lui intessuta. Nello strettissimo rapporto che lo legava ad Armando Siri, sottosegretario leghista, anche lui indagato per corruzione nella tranche romana dell'inchiesta, sembra che fosse lui l'elemento forte. Avrebbe sponsorizzato il politico in ogni sede, anche ecclesiastica. Poi si è dovuto accontentare della sua nomina a sottosegretario alle Infrastrutture e ai Trasporti e non all'Economia come avrebbe voluto. Sarebbe stato Arata a corrompere Siri per una norma di favore sull'eolico in cambio di 30 mila euro. Una mazzetta di cui parla lui stesso col figlio. «Devo ringraziare la Lega per avere liberato la mia regione da un giogo», disse a un convegno dopo la vittoria di Toti in Liguria, Arata, genovese d'origine.

18 Aprile Apr 2019 1859 18 aprile 2019
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso