Tg La7 Mentana Salvini Video

Mentana ha risposto alle critiche di Salvini sul tg La7

Il ministro dell'Interno ha attaccato l'informazione del Tg1, del Tg5 e della rete di Urbano Cairo: «Fesserie». Secca la risposta del direttore: «Le critiche ci fanno un baffo». 

  • ...

La risposta di Enrico Mentana agli insulti del ministro dell'Interno Matteo Salvini è arrivata in diretta, durante quel tg La7 che il leader della Lega aveva accusato di parlare solo di fesserie. «Vi sfido: fate un esperimento, andate a guardare stasera i telegiornali, Tg1, Tg5 o La7, non affronteranno nessuno degli argomenti dei quali stiamo parlando qui in piazza, ma parleranno solo di fesserie di cui non importa nulla a nessuno», ha dichiarato nel tardo pomeriggio del 13 maggio Salvini durante un comizio elettorale in vista delle Europee nella cittadina di Legano. Detto, fatto. Chi ha guardato la settima rete, più che le fesserie ha visto in diretta la replica del giornalista.

In apertura dell'edizione delle 20 del tg, Mentana ha infatti sottolineato: «Salvini tanto per cambiare ha scelto un altro obiettivo, dopo scrittori e conduttori, ora i telegiornali. Evidentemente pensa che gli faccia gioco attaccare i telegiornali. Francamente, con tutto il rispetto per il ministro dell'Interno, a noi fa un baffo una critica come questa». E ancora: «Forse dovremmo parlare del concorso Vinci Salvini che è stato lanciato sui social, o forse più seriamente delle famose centinaia di migliaia di rimpatri promessi un anno fa in campagna elettorale, e che non ci sono stati affatto. Ma sicuramente il ministro ne avrà parlato nel suo comizio. Col sorriso sulle labbra, ricordiamo che abbiamo criticato anche chi ha governato prima di lui, con più titolo e per più lungo tempo, prima per queste scelte inconsulte e di offesa all'informazione. Certo, queste cose non ci fanno paura e non modificano il nostro modo di lavorare che sarà comunque sempre sine ira et studio, anche Salvini ha fatto il classico con noi, nei suoi confronti»

13 Maggio Mag 2019 2235 13 maggio 2019
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso