Giulia Bongiorno Pubblica Amministrazione Concorsi

Nella Pa 250 mila uscite e nuovi concorsi in arrivo per i giovani

Nel 2019 grande esodo di statali per la legge Fornero e quota 100. Cessazioni destinate a raddoppiare in tre anni. Ma il ministro Bongiorno ha annunciato un accesso ad hoc per gli universitari.

  • ...

Un grande esodo dalla Pubblica amministrazione. È il quadro tratteggiato dal ministro Giulia Bongiorno che, intervenendo al Forum Pa, ha riportato le recenti stime del dipartimento della Funzione pubblica: «Nel 2019 ci saranno 150 mila cessazioni con la legge Fornero e 100 mila con quota 100, per un totale di 250 mila». Un numero che dovrebbe raddoppiare e salire a 500 mila nell'arco di tre anni.

ALLO STUDIO UN CONCORSO DIRETTO PER UNIVERSITARI

La Bongiorno però ha spiegato che il governo sta studiando un nuovo canale di accesso alla Pa: «Oggi c'è un grosso problema per i giovani, non riescono a trovare lavoro quando escono dall'università», potendo contare «di solito con un tipo di formazione estremamente generica». Ecco che «con il ministro dell'Istruzione, Marco Bussetti, abbiamo deciso di creare un corso che permetta al ragazzo che studia all'università, alla fine del suo percorso, di poter fare un concorso direttamente nella Pubblica amministrazione».

Così potremo assumere ragazzi, non è possibile che si entri nella Pubblica amministrazione soltanto a 35 anni

Giulia Bongiorno

Secondo il ministro «questo permette a chi si iscrive all'università di sapere che ha questa opportunità e permette alla Pa di assumere ragazzi, perché non è possibile che si entri nella Pa soltanto a 35 anni». La novità dovrebbe essere messa a punto in un disegno di legge.

RINNOVO DEL CONTRATTO, VERSO UN ALTRO PASSO AVANTI

Sulle risorse per il rinnovo del contratto «nella prossima legge di bilancio ci sarà un ulteriore passo in avanti», ha detto la Bongiorno, spiegando che nella precedente manovra c'è stato «un primo stanziamento».

14 Maggio Mag 2019 1643 14 maggio 2019
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso