Europee 2019
Europee 2019
Ppe Angela Merkel Matteo Salvini Migranti

Merkel ha chiuso all'ingresso di Salvini nel Ppe

La cancelliera ha spiegato che le distanze tra il suo centrodestra e i sovranisti sono troppo ampie, a partire dalle politiche migratorie. E che è preccupata per l'Europa. 

  • ...

Merkel ha chiuso ogni spiraglio in faccia a Matteo Salvini. La cancelliera non vede alcuna possibilità di un ingresso della Lega nel Partito popolare europeo ed auspica per l'Italia la capacità di trovare una strada per una crescita economica maggiore. In un'intervista alla Suddeutsche Zeitung, Merkel parla di Europa, del suo rapporto con Emmanuel Macron, con il candidato del Ppe Manfred Weber, della sua visione del continente e delle sue paure legate all'insorgere del populismo. Ma in Italia a fare rumore sono le dichiarazioni di Merkel sul partito di Salvini.

«VISIONI DIFFERENTI A PARTIRE DALLE POLITICHE MIGRATORIE»

Intanto Salvini ha replicato: «Non ci pensiamo nemmeno a entrare nel partito della Merkel e di Juncker». «La loro Europa è quella che vogliamo cambiare» dicono in serata fonti leghiste. Salvini sabato è atteso in piazza a Milano con Marine Le Pen e gli altri alleati europei. Di possibili intese con il Ppe per la guida delle istituzioni europee si parlerà dopo il 26 maggio, tanto che Di Maio già accusa la Lega di tramare con il vecchio establishment. Ma per ora il leader leghista rilancia l'asse sovranista. E Merkel, al giornalista che chiede se immagini la possibilità che la Lega di Matteo Salvini possa entrare nel Ppe come vorrebbe Viktor Orban, la cancelliera risponde in modo tanto secco quanto incontrovertibile: «No». E spiega: «È ovvio che abbiamo vedute differenti su temi come le politiche migratorie. Questa da sola è una ragione per cui il Ppe non permetterà l'adesione di Salvini», dice Merkel, aggiungendo: «Se Manfred Weber sarà eletto presidente della Commissione non dipenderà dai voti di questi partiti. Tuttavia, non possiamo condizionare noi il fatto che decidano di votarlo o meno». Se Merkel è categorica nei confronti di Salvini, non è più tenera con Orban e ribadisce la linea dei popolari:«Il Ppe ha messo su un team di tre persone che tratteranno l'argomento Fidesz entro un tempo limite». Ribadendo l'appoggio a Weber la leader tedesca ha specificato: «Questo non significa che la Germania non abbia altri eccellenti candidati in altre posizioni», ha spiegato rispondendo alla domanda se preferisca Weber alla presidenza della Commissione o Jens Weidmann alla guida della Bce. In ogni caso, queste sono elezioni cruciali, ha ricordato la cancelliera:«Sono certamente elezioni importanti, speciali. Molte persone sono preoccupate per l'Europa e lo sono anche io».

16 Maggio Mag 2019 0817 16 maggio 2019
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso