Salvini Comizi Voli Di Stato Corte Dei Conti Indagine

La procura della Corte dei Conti indaga sui voli di Salvini

Al centro del fascicolo "esplorativo" gli spostamenti del ministro dell'Interno per i propri comizi elettorali. Lui si difende: «Non lavoro dall'ufficio». Il M5s: «Faccenda da chiarire».

  • ...

La procura della Corte dei Conti del Lazio ha deciso di aprire un fascicolo "esplorativo" per fare luce sull'ipotesi che Matteo Salvini abbia utilizzato voli di Stato per i propri comizi. L'ipotesi suggerita da un'inchiesta di Repubblica ha spinto la procura contabile a chiedersi se davvero il ministro abbia viaggiato su aerei ed elicotteri della polizia non per fini istituzionali. Fonti della procura confermano quanto anticipato oggi dal quotidiano, precisando che il fascicolo è in mano al viceprocuratore generale Bruno Tridico.

FASCICOLO APERTO COME ATTO DOVUTO

Al centro delle polemiche, in particolare, il presunto utilizzo del bimotore Piaggio P-180 per partecipare anche a iniziative elettorali. La polizia ha confermato che il ministro ha utilizzato questo aereo 19 volte. La procura contabile del Lazio, guidata da Andrea Lupi, ha aperto il fascicolo come atto dovuto, per chiarire se ci sia stato uno spreco di risorse pubbliche: nei prossimi giorni potrebbero essere chiesti atti al Viminale.

IL M5S: «È BENE CHE SALVINI CHIARISCA»

Anche il Movimento 5 stelle ha chiesto chiarimenti. «È una strana faccenda, anche perché se è vero che la Corte dei Conti ha aperto un fascicolo 'esplorativo' per accertare se abbia viaggiato su aerei ed elicotteri della polizia al di fuori dei fini strettamente istituzionali, allora significa che una piccola ombra da chiarire c'è», hanno fatto sapere fonti pentastellate. «È bene che lo faccia Salvini. E siamo sicuri che lo farà». Più cauto il presidente del Consiglio Giuseppe Conte che al Forum Pa ha detto: «Non ho motivo di non credere alle parole di Salvini».

ALMENO 20 VOLI AL CENTRO DELLE POLEMICHE

Secondo Repubblica sarebbero almeno 20 i voli effettuati da Salvini con mezzi della polizia e in un caso anche dei vigili del fuoco. Inevitabile la polemica politica: «Salvini non è solo un ministro dell'Interno fantasma, ma sta usando il suo ruolo di governo per farsi campagna elettorale», ha dichiarato la senatrice Pd Simona Flavia Malpezzi, «si sposta con gli aerei della polizia da 5 mila euro a volo per i suoi comizi, una vergogna».

LA DIFESA DEL MINISTRO DELL'INTERNO

«Il ministro degli Interni non sta mai al lavoro e gira il Paese per comizi su aerei pagati dagli italiani», ha invece scritto su Facebook il presidente della Toscana Enrico Rossi, «dice che queste elezioni saranno un referendum su di lui, prendiamolo sul serio e mandiamolo a casa". Salvini si è difeso: «Se risolvo un problema e lo faccio da Marte o dal Viminale che cosa cambia? Se volete posso restare 16 ore in ufficio a guardare Sky, io incontro sindaci, imprenditori, agricoltori, non voglio fare il ministro sigillato in ufficio. Ora vado al Viminale e mi faccio una foto così a Repubblica sono contenti e io posso continuare a fare il mio lavoro». Il ministro ha poi rincarato la dose speigando che non c'è «nessun abuso, nessuna irregolarità, nessun volo di Stato o della Polizia per fare comizi ma sempre per impegni istituzionali. Sfido chiunque a dimostrare il contrario».

SALVINI: «SONO IL MINISTRO CHE COSTA MENO»

«Sono indagato dappertutto su tutto: per sequestro di persona, per razzismo. Penso che il lavoro che sto facendo per gli italiani lo stiano apprezzando. E penso di essere uno dei ministri che costa meno, nella storia del ministero dell'Interno», ha detto ancora Salvini da San Severo a chi gli chiedeva di commentare la notizia dell'apertura di una indagine.

16 Maggio Mag 2019 0640 16 maggio 2019
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso