Facebook Cambridge Analytica Profili Rubati Cose Sapere
Scienza e Tech
18 Aprile Apr 2018 0942 18 aprile 2018

Facebook, versione limitata per under 15: come funziona

Dal 25 maggio per usare la versione completa servirà il consenso dei genitori. Protezioni in arrivo sulla pubblicità, il riconoscimento facciale e le informazioni condivise come la città natale o il compleanno.

  • ...

Facebook si adegua al Regolamento europeo sulla privacy che entrerà in vigore il 25 maggio 2018. E mette a punto una versione limitata per gli adolescenti d'età compresa tra i 13 e i 15 anni, che verrà successivamente estesa in tutto il mondo.

VERSIONE MENO PERSONALIZZATA. Attualmente, ha spiegato l'azienda di Menlo Park, gli under 15 «in alcuni Paesi Ue hanno bisogno del permesso di un genitore o di un tutore per compiere azioni specifiche» su Facebook. Questi adolescenti «vedranno una versione meno personalizzata del social network, con condivisione limitata e annunci pubblicitari meno rilevanti, fino a quando non otterranno il permesso» di usare la versione completa dal genitore o tutore.

LE PROTEZIONI PER I TEENAGER. Le protezioni destinate ai teenager riguarderanno la pubblicità, il riconoscimento facciale e le informazioni condivise come la città natale o il compleanno. Il riconoscimento facciale, in particolare, verrà disabilitato «per chiunque abbia meno di 18 anni» e verrà limitata la possibiità di «vedere o cercare informazioni specifiche che gli adolescenti hanno condiviso, come la città natale o il compleanno».

IL PERMESSO DI USARE I DATI RACCOLTI DAI PARTNER PUBBLICITARI. Con l'entrata in vigore del nuovo Regolamento europeo sulla privacy, inoltre, tutti gli utenti potranno scegliere se far usare al social network i dati raccolti dai partner pubblicitari. E potranno anche cancellare informazioni dal profilo come quelle politiche, religiose o riguardanti la propria situazione sentimentale. «Le inserzioni sulla piattaforma sono più rilevanti quando usiamo i dati dei partner pubblicitari», spiega l'azienda di Mark Zuckerberg, «come siti e applicazioni che utilizzano strumenti di business come il nostro pulsante 'Mi piace'. Chiederemo alle persone di rivedere le informazioni su questo tipo di pubblicità e di scegliere se vogliono o meno che noi usiamo i dati dei partner per mostrare loro le inserzioni pubblicitarie».

INFORMAZIONI SENSIBILI, CANCELLAZIONE PIÙ FACILE. Per quanto riguarda in particolare le informazioni presenti sul profilo, se un utente ha scelto di condividere l'orientamento politico, religioso o la sua situazione sentimentale, Facebook gli chiederà di «scegliere se vuole continuare a condividere» tali informazioni oppure no, rendendo inoltre più semplice la loro eventuale cancellazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso