Embrione
Scienza e Tech
2 Maggio Mag 2018 1900 02 maggio 2018

Il primo embrione artificiale creato in laboratorio

Generato a partire da cellule staminali di topo, non si è dimostrato in grado di arrivare alla fase matura.

  • ...

Ottenuto in laboratorio il primo embrione del tutto artificiale, ossia non generato a partire da ovuli e spermatozoi, ma da cellule staminali. È di topo e ha continuato a svilupparsi nell'utero, ma non si è dimostrato in grado di arrivare alla fase matura. Pubblicato sulla rivista Nature, il risultato offre un laboratorio unico per studiare le prime fasi dello sviluppo di un essere vivente e in futuro potrebbe portare ai primi esseri viventi artificiali.

NATO DA DUE CELLULE STAMINALI. L'embrione artificiale è stato ottenuto in Olanda, nell'Istituto di Medicina rigenerativa dell'Università di Maastricht, dal gruppo guidato da Nicolas Rivron. Il punto di partenza sono state due famiglie di cellule staminali: quelle che danno origine alla placenta e quelle da cui si forma l'organismo. In provetta le cellule hanno formato una struttura simile a quella di un embrione nella fase iniziale dello sviluppo chiamata blastocisti, in cui si forma la sacca che racchiude le cellule staminali. L'embrione artificiale che ha raggiunto una struttura analoga è stato chiamato 'blastoide' ed è una sferetta fatta di sottili strati.

LA VIA PER LA VITA ARTIFICIALE? Non si può escludere che in un futuro lontano questa sia la via per ottenere esseri viventi artificiali, ma adesso è un laboratorio senza precedenti per studiare le fasi iniziali dello sviluppo dell'embrione, quelle in cui si forma la placenta e avviene l'impianto nell'utero e che, in molti casi, sono all'origine del fallimento di molte gravidanze.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso