Elon Musk
Scienza e Tech
24 Maggio Mag 2018 1707 24 maggio 2018

Musk lancia il sito Pravda per valutare l'affidabilità dei giornalisti

L'idea nata in seguito alle critiche del sito Consumer reports rivolte al Model 3 di Tesla. Secondo l'imprenditore visionario, i media avrebbero perso ogni credibilità. 

  • ...

Paypal, Tesla, SpaceX, Hyperloop, Open AI. La lista di idee lanciate sul mercato da Elon Musk è già lunga, ma ora potrebbe arricchirsi di un nuovo capitolo: Pravda. Il 23 maggio l'uomo che è riuscito a mandare una delle sue auto nello spazio ha attaccato i media e ha proposto di creare un sito in cui i cittadini possano valutare giornali, giornalisti ed editori. Il nome potrebbe essere Pravda, una parola che arriva dalla Russia. A Mosca «pravda» vuol dire «verità» ed è il termine scelto da Lev Trotsky per fondare il suo quotidiano nel 1912, l'organo di informazione ufficiale del Partito comunista.

L'IDEA È NATA DOPO LE CRITICHE A TESLA. Tutto è cominciato con le critiche rivolte dal sito Consumer reports sul Model 3, l'ultimo modello dell'auto elettrica creata da Tesla. Musk non ha reagito bene alle critiche fatte al suo gioiello, che secondo i redattori del sito non sarebbe riuscita a centrare i suoi obiettivi. Da qui la scelta di iniziare a lanciare dal suo account Twitter una serie di accuse ai media.

Il commento di Musk ha scatenato l'ineresse del suo pubblico. Andrew J. Hawkins, reporter di The Verge, lo ha accusato: «Musk continua la sua lenta trasformazione in una figura simile a Trump, pronta ad ataccare i media e a urlare irrazionalmente citando le fake news». Lui ha risposto subito: «Perchè pensate che Trump sia stato eletto? Perchè nessuno crede più nei media, è da tempo che hanno perso credibilità».

Nasce così l'idea di fondare Pravda. Un sito in cui chiunque possa valutare l'affidabilità dei media. «Sto per creare un sito dove il publico possa votare la veridicità di ogni articolo e tracciare con un punteggio la credibilità di ogni giornalista, editore e testata. Penso di chiamarlo Pravda». La proposta è stata subito testata sui suoi follower. Le risposte possibili sono due: «Sì, potrebbe essere una buona idea» e «No, i media sono eccezionali». A tre ore dalla chiusura del sondaggio solo il 12% aveva ha il suo voto alla seconda risposta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso