Microsoft Ms Dos Github Open Source
Scienza e Tech
4 Ottobre Ott 2018 1043 04 ottobre 2018

Microsoft ha reso disponibile il codice sorgente di MS-DOS

La casa di Redmond ha rilasciato su GitHub la versione open source del sistema 1.25 e 2.0. La notizia pubblicata sul blog dell'azienda: «Divertitevi ad esplorare le basi di una famiglia di software che hanno contribuito ad alimentare l’esplosione tecnologica».

  • ...

Per quasi tutti gli anni 80 il 90% dei computer in commercio montava un sistema operativo Microsoft. E per lungo tempo, almeno fino all'avvento del modello a finestre con Windows 3.1 e Windows 95, il sistema fu l'MS-DOS. Trentacinque anni dopo il suo ingresso sul mercato, la casa di Redmond ha deciso di rilasciare il codice sorgente in modalità open source in modo che sia disponibile per tutti gli utenti.

COSA C'E NEI FILE DIFFUSI DA MICROSOFT

Il codice di due versioni del sistema operativo, MS-DOS 1.25 e 2.0, è stato rilasciata su GitHub, una sorta di social newtwork in cui gli sviluppatori rendono disponibile il codice dei loro programmi rendendolo scaricabile da tutti. Non è la prima volta che MS-DOS viene liberato, avvenne anche nel 2014, ma con il porting su GitHub ora è molto più facile da trovare. «Stiamo caricando MS-DOS come open source su GitHub per renderlo facilmente fruibile da tutti», ha scritto l'azienda in una nota.

DOVE SACRICARE MS-DOS

In un tempo di 4k, Smartphone e realtà virtuale, fa sorridere pensare, ad esempio, che la versione 1.25 sia composta da solo sette file. Il materiale, che si può trovare a questo indirizzo, è consultabile senza limitazioni in modo che tutti possano cimentarsi con l'assembly per Intel 8086 con cui è stato scritto. «Divertiti ad esplorare le basi iniziali di una famiglia di sistemi operativi che hanno contribuito ad alimentare l’esplosione della tecnologia informatica su cui tutti noi facciamo affidamento per così tanto della nostra vita moderna!» è stato l'invito di Microsoft agli utenti che in breve tempo hanno risposto con quasi nove mila like.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso