preghiere-app-follow-jc-go
Scienza e Tech
23 Ottobre Ott 2018 1350 23 ottobre 2018

Non solo Follow Jc Go, ecco le app per pregare online

Dal Pokemon go in versione religiosa fino al culto 2.0 di San Gennaro. Quando la fede è a portata di smarphone. 

  • ...

La religione non è mai stata così social e internet friendly. Del resto anche Santa madre Chiesa deve stare al passo con i tempi "adattandosi" alle nuove abitudini dei fedeli. Così negli ultimi anni, al rosario canonico si sono affiancati app dedicate, siti, e persino videogame 2.0. L'ultima trovata è Follow Jc Go, letteralmente "segui Gesù Cristo go". Una sorta di Pokemon Go in versione religiosa e benedetto da papa Francesco che permette di "catturare" santi e beati. Il giocatore-fedele si muove su una mappa che ricostruisce l'ambiente in cui si trova grazie a un Gps. Quando al posto di Pikachu appare un santo, un beato o un protagonista delle Scritture vengono poste alcune domande. La "cattura" avviene rispondendo correttamente. L'iniziativa didattica è stata lanciata in vista della Giornata mondiale della gioventù del 22 gennaio prossimo a Panama.

PREGARE COL CELLULARE

Per pregare o meditare via smartphone sono però già state ideate diverse applicazioni. Da quella dedicata al culto di San Gennaro a quella per seguire la Via Crucis in tempo di Quaresima. Eccone cinque.

1. PREGAUDIO E LA LISTA DI PREGHIERE ONLINE

A Riccione, si sono inventati un’app per ascoltare, leggere preghiere, seguire canti, musiche meditative o il brano del Vangelo del giorno: è Pregaudio. Gli inventori di questo software gratuito sono i ragazzi di Punto Giovane, realtà parrocchiale riccionese. Sono riusciti in un’impresa straordinaria: promuovere la preghiera virtuale in tutto il mondo nel giro di tre mesi. Dal Sudafrica alla Russia, dagli Stati Uniti a Israele, dalla Tanzania fino al Madagascar e all’Iraq. Un successo nato grazie alla Prey-list: una funzione speciale sul dispositivo che permette all’utente di creare una compilation di preghiere e canti religiosi da ascoltare quotidianamente.

2. CLICK TO PRAY, L'APP UFFICIALE DI FRANCESCO

Per chi vuole andare sul sicuro può scaricare Click to Pray, l'app presentata a Roma il 6 marzo 2017 e voluta dalla rete mondiale di preghiera del papa. Click to Pray è semplice da usare: basta scaricarla sul proprio smartphone per ricevere tre volte al giorno una notifica di preghiera e unirsi al pontefice in una messa virtuale.

3. VIA CRUCIS, UN SOSTEGNO PER LA QUARESIMA

Sebbene il nome non sia molto incoraggiante, bisogna ammettere che Via Crucis è davvero innovativa. Si tratta di un sostegno multimediale per accompagnare i cristiani nel periodo liturgico della Pasqua. Il software mostra un percorso digitale sulle stazioni. Via Crucis offre anche la possibilità di interrompere le meditazioni a una determinata stazione per riprenderle in quella successiva: il sistema salva in automatico le ultime preghiere effettuate dall’utente, in modo da aggiornarsi costantemente a ogni nuovo utilizzo.

4. EVVIVA SAN GENNARO: L'APP PER IL PATRONO DI NAPOLI

Devoti di San Gennaro? Si può accendere una candela in onore del santo patrono di Napoli anche su iPhone e iPad. È molto semplice: basta scaricare l'app gratuita Evviva San Gennaro, che consente agli oltre 25 milioni di devoti di accendere una candela virtuale direttamente nella cappella del Tesoro del santo. Finora più di 2600 ceri 2.0 sono stati accesi in tutto il mondo durante la cerimonia partenopea del patrono (leggi anche: le curiosità su San Gennaro).

5. ADOTTA UN CARDINALE, IN TEMPO DI CONCLAVE

Nel 2013, ai tempi dell’elezione di papa Francesco, il gruppo giovanile Jugend 2000, con base in Germania, creò la pagina web Adopt a Cardinal, il cui scopo era quello di stimolare i fedeli alla preghiera per i cardinali riuniti in Conclave. Per aderire all'iiniziativa era sufficiente compilare un breve form indicando nome e cognome e indirizzo e-mail. Successivamente sarebbero apparse sullo schermo del pc le fotografie, le date di nascita, nonché le funzioni esercitate dei 115 cardinali elettori: il fedele poteva quindi “adottare” il cardinale prediletto, pregandolo di scegliere con saggezza il futuro papa. Chissa se ha funzionato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso