Sonda Marte Insight
Scienza e Tech
Aggiornato il 27 novembre 2018 26 Novembre Nov 2018 2112 26 novembre 2018

La sonda Insight è atterrata su Marte

Il mezzo della Nasa si è posato sulla superficie del pianeta rosso. Si tratta del 15esimo velivolo a toccare il suolo marziano dal 1971.

  • ...

È appena cominciata un nuova avventura su Marte. A sei anni dall'atterraggio del rover Curiosity, il lander Insight della Nasa ha toccato il del pianeta rosso nella serata del 26 novembre: un beep per dire "sto bene" e nella sala del Jet Propulsion laboratory, le decine di ingegneri e tecnici che attendevano come genitori apprensivi che il figlio chiamasse, la gioia ha squarciato il silenzio teso della sala controllo. Il lander si prepara a catturare altri segreti del pianeta, esplorandone il cuore, studiandone la geologia e i terremoti. Lo farà anche con tanta tecnologia italiana, fornita da Agenzia Spaziale Italiana (Asi), Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn), Istituto di Astrofisica (Inaf) e dall'industria, con Leonardo.

APERTURA DEI PANNELLI SOLARI E PRIMO "SELFIE"

Il primo passo è stata, la mattina italiana del 27 novembre, l'apertura dei pannelli solari, coronamento una discesa perfetta sul suolo di marziano. La sonda anche inviato il primo selfie, postandola sul profilo Twitter della missione e commentando «Qui c'è una bellezza tranquilla. Mi guardo attorno per esplorare la mia nuova casa». L'apertura dei pannelli solari permetterà al veicolo di avere l'energia sufficiente per cominciare una lunga attività di esplorazione del sottosuolo del pianeta rosso, con una sonda che ne misurerà la temperatura fino alla profondità di cinque metri e potrà rivelare in questo modo se all'interno di Marte esista una forma di calore: questo potrebbe significare che l'acqua scoperta nel luglio scorso sotto i ghiacci del Polo Sud marziano potrebbe essere più calda di quanto si pensi. A bordo del lander sono attivi anche strumenti italiani, grazie alla partecipazione alla missione di Agenzia Spaziale Italiana (Asi), Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn), Istituto di Astrofisica (Inaf) e Leonardo.

ANCORA DUE MISSIONI OPERATIVE SUL PIANETA

Insight è il 15esimo veicolo a toccare il suolo marziano a partire dal 1971, quando sul pianeta rosso si era posato il sovietico Mars 2, distrutto durante la discesa. Non sono mancati i fallimenti delle missioni precedenti, se consideriamo che sette missioni su 16 sono state pienamente operative. Oggi sono al lavoro su Marte altri due veicoli, entrambi della Nasa: Curiosity, che era arrivato nel 2012, e Opportunity, del 2004.

UNA DISCESA SENZA PROBLEMI

La discesa di Insight è stata perfetta e il veicolo non ha mancato nessuno degli appuntamenti cruciali durante i fatidici sette minuti di terrore della discesa verso Marte. Dal centro di controllo della missione, nel Jet Propulsion Laboratory (Jpl) della Nasa, lunghi silenzi erano interrotti da applausi entusiasti quando, uno dopo l'altro, Insight superava tutte le tappe, fino a regalare la sua prima foto: un panorama del suolo marziano costellato da polveri. Anche il primo segnale è arrivato come previsto.

A BORDO ANCHE STRUMENTAZIONE ITALIANA

Tanto l'entusiasmo anche da parte italiana: «è una grande soddisfazione vedere che Insight è arrivata sana e salva», ha detto il commissario straordinario dell'Asi, Piero Benvenuti. «A bordo», ha proseguito, «ci sono strumenti molto importanti per conoscere meglio la struttura interna del pianeta ed è anche una grande soddisfazione sapere che c'è anche un importantissimo strumento italiano, che determina la posizione del lander sulla superficie di Marte con una grandissima precisione».

PRESTO ALTRE MISSIONI SUL PIANETA ROSSO

Lo strumento, «importantissimo per le future missioni su Marte», si chiama Larri (Laser Retro-Reflector for InSight), è composto da microriflettori di ultima generazione ed è stato sviluppato da Inaf e Asi. Importante anche il ruolo del Sardinia Radio Telescope (Srt) che riceve i segnali dei sue mini satelliti che accompagnano la missione Insight. È avvenuto un altro passo importante per l'esplorazione di Marte, che apre la strada alle prossima missioni sul pianeta rosso: l'europea ExoMars 2020 e l'americana Mars2020.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso