Meningite Cura Antibiotica Prevenzione Vaccino

Le cose da sapere per difendersi dalla meningite

Bambini e adolescenti sono i soggetti più a rischio. Esistono dei vaccini, non obbligatori, che riducono i rischi di contrare il meningococco. Ma è in inverno che la malattia è più attiva.

  • ...

Come ogni inverno la meningite torna a fare paura. A far aumentare i rischi però non è tanto l'abbassamento della temperatura quanto piuttosto la concentrazione delle persone in spazi chiusi e caldi. Una situazione ideale per favorire la proliferazione di virus e batteri. La malattia, solitamente di origine infettiva, attacca il sistema nervoso centrale e sembra colpire maggiormente gli adolescenti che il resto della poolazione. A ricordarlo è anche Pier Luigi Lopalco, epidemiologo dell'Università di Pisa. «Purtroppo in questa fascia di età il rischio c'è, anche se non è così alto come sembra dato si parla di un caso ogni centomila abitanti, mentre nei bambini è più alto. A oggi la malattia è prevenibile anche perché ci sono disponibili vaccini per tutti i ceppi, che sono sicuri ed efficaci a tutte le età».

LEGGI ANCHE: Il decalogo anti fake news su vaccini e salute

COSA È LA MENINGITE

Tra gli agenti batterici che causano la meningite il più temuto è Neisseria meningitidis (meningococco), oltre a Streptococcus pneumoniae (pneumococco) e Haemophilus influenzae. Del meningococco esistono diversi sierogruppi: A, B, C, Y, W135, X. Questa malattia può essere causata da batteri, virus o altri microrganismi. Meno frequentemente riconosce un'eziologia neoplastica, autoimmune o iatrogena (da farmaci). Il quadro clinico di una meningite acuta si fonda sulla classica triade costituita da febbre, cefalea e rigidità nucale. A questi sintomi si devono a volte aggiungere contratture muscolari, vomito a getto, alterazioni dello stato di coscienza, incapacità di tollerare la luce e i rumori, convulsioni. La sintomatologia varia in base all'agente causale.

QUALI SONO I VACCINI A DISPOSIZIONE

Esistono tre tipi di vaccino anti-meningococco. Tra i più utilizzati c'è senza dubbio il vaccino coniugato contro il meningococco di sierogruppo C (MenC). Questo siero protegge solo dal sierotipo C. Poi c'è il vaccino coniugato tetravalente, che protegge dai sierogruppi A, C, W e Y. Esiste anche il vaccino contro il meningococco di tipo B, che protegge, come nel caso del MenC esclusivamente contro questo sierogruppo.

QUALI VACCINI SONO OBBLIGATORI E QUALI RACCOMANDATI

Bisogna partire dal presupposto che alcuni vaccini sono già raccomandati e offerti gratuitamente, ma non sono obbligatori. La scheda vaccinale attualmente in vigore prevede la vaccinazione anti meningococco C nei bambini che abbiano compiuto un anno di età, mentre è consigliato un richiamo con vaccino tetravalente per gli adolescenti. Il vaccino tetravalente coniugato anti-meningococco A, C, Y e W, è consigliato anche per i ragazzui che non sono stati vaccinati da piccoli, e dovrebbe comunque essere somministrato a chi si reca in Paesi dove sono presenti i sierogruppi della meningite. Il vaccino contro il meningococco B è attualmente offerto in alcune regioni nel primo anno di età. La vaccinazione contro il meningococco C è gratuita e prevede una sola dose a 13 mesi. Per il resto l'offerta vaccinale varia da regione a regione.

15 Gennaio Gen 2019 1737 15 gennaio 2019
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso