Opportunity Foto Marte Nasa

Dove vedere le ultime foto di Opportunity su Marte

La Nasa ha pubblicato sul suo sito le immagini scattate dal rover sul pianeta rosso la scorsa primavera, prima che si spegnesse per una tempesta di sabbia dopo 15 anni di lavoro.

  • ...

La Nasa, l'agenzia spaziale statunitense, ha pubblicato sul suo sito Internet le foto che il rover Opportunity ha scattato sulla superficie di Marte tra maggio e giugno del 2018. Le immagini sono consultabili a questo link e permettono di farsi un'idea abbastanza precisa di quella che gli astronauti hanno battezzato come Perseverance Valley, un'area dell'ampiezza di circa due campi da calcio situata all'interno dello spazio delimitato dal cratere Endurance. Le immagini sono una panoramica a 360 gradi ricostruita con colori ritenuti verosimili.

LEGGI ANCHE: Davvero gli alieni sono più vicini?

«L'EREDITÀ DI OPPORTUNITY CONTINUA»

La missione, scrive la Nasa, è terminata dopo 15 anni di esplorazioni sulla superficie di Marte e, tuttavia, «la sua eredità continua. Le scoperte scientifiche raggiunte grazie a Opportunity contribuiscono a una comprensione senza precedenti dell'ambiente e della geologia di Marte, gettando le basi per future missioni, umane e di robot, sul Pianeta rosso». La panoramica pubblicata dalla Nasa è composta da 354 immagini diverse realizzate dalla fotocamera panoramica montata sul rover. La ricostruzione è la composizione di tre tipi diversi di immagini realizzate con tre diversi filtri a raggi infrarossi, verdi e violetti.

LA FINE DI OPPORTUNITY DOPO LA TEMPESTA DI SABBIA

Opportunity aveva concluso il suo lavoro di monitoraggio alla fine di febbraio a causa di una tempesta di sabbia sul suolo del pianeta che aveva avvolto il rover per lunghi mesi, impedendo così il ricaricamento delle batterie a energia solare. «Abbiamo ascoltato ogni singolo giorno i nostri potenti ricevitori e abbiamo inviato oltre 1.000 comandi di ripristino, ma non abbiamo udito alcuna risposta e quindi è arrivato il momento di salutarci», aveva spiegato il project manager John Callas in quell'occasione, dando così l'addio al robot mobile che aveva permesso di scoprire tanto del pianeta rosso.

13 Marzo Mar 2019 0842 13 marzo 2019
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso