Pil: traina Nord (+1,8%), segue il Sud
2 Luglio Lug 2018 1021 02 luglio 2018

Istat, disoccupazione ai minimi dal 2012

Il tasso cala al 10,7%. Record storico degli occupati a tempo determinato: sono 3 milioni e 74 mila.

  • ...

A maggio 2018 il tasso di disoccupazione in Italia è sceso al 10,7%, in calo di 0,3 punti percentuali su base mensile. Secondo l'Istat si tratta del livello più basso da agosto 2012. La stima delle persone in cerca di occupazione ha registrato una diminuzione di 84 mila unità e il numero di disoccupati è calato a 2 milioni 793 mila, mentre il tasso di inattività è rimasto stabile al 34%. Sempre nel mese di maggio il tasso di disoccupazione giovanile tra i 15 e i 24 anni è calato al 31,9%, un punto percentuale in meno rispetto ad aprile. L'Istat ha spiegato che anche in questo caso si tratta del valore più basso da gennaio del 2012 (leggi anche: Decreto dignità, cosa prevede il testo definitivo).

DIPENDENTI A TERMINE AL TOP DAL 1992. Un altro record riguarda il numero dei dipendenti a tempo determinato, che a maggio è salito di 62 mila unità su aprile, portando il totale a 3 milioni e 74 mila. Una soglia così alta non era mai stata rilevata nelle serie storiche, cioè dal 1992 (leggi anche: Contratti a tempo determinato, come difenderli meglio).

IN TOTALE GLI OCCUPATI SONO 23,3 MILIONI. In Italia gli occupati hanno raggiunto complessivamente quota 23 milioni 382 mila, aggiornando ancora il massimo storico. Rispetto ad aprile è salito anche il tasso di occupazione (58,8%), che tocca il livello più alto dal 2008. Su base annua si rafforza quindi la crescita dell'occupazione: +2%, pari a 457 mila occupati in più. L’espansione interessa sia gli uomini, sia le donne e si concentra tra i lavoratori a termine (+434 mila), mentre restano sostanzialmente stabili i permanenti e sono in lieve ripresa gli indipendenti (+19 mila).

BENE SOPRATTUTTO GLI ULTRACINQUANTENNI. Crescono soprattutto gli occupati ultracinquantenni (+468 mila) e i 15-34enni (+106 mila), mentre calano gli occupati tra i 35 e i 49 anni (-116 mila). Al netto della componente demografica, si registra un segno positivo per l’occupazione in tutte le classi di età. Nei dodici mesi diminuisce in misura significativa il numero di disoccupati (-5,2%, -153 mila) e quello degli inattivi tra i 15 e i 64 anni (-2,6%, -345 mila).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso