Posta 120430144244

Poste Italiane, è rivoluzione nella logistica

L’azienda riorganizza il recapito e punta sull’e-commerce per consolidare la propria leadership in un mercato che punta sempre di più sul digitale.

  • ...

La rivoluzione del web travolge anche Poste Italiane che si riorganizza per consolidare la propria leadership in un mercato in profonda trasformazione.

Un miliardo di euro di investimenti secondo il piano industriale, Delivery 2022, in nuove tecnologie di distribuzione, automazione e mezzi di consegna oltre che una rete totalmente integrata per corrispondenza e pacchi. Una profonda evoluzione quella messa in scampo dalla società che si occupa della gestione del servizio postale in Italia, che coinvolge anche il mondo della logistica legata all’e-commerce. Tutto questo per rendere più rapido e semplice il lavoro del portalettere e andare incontro alle nuove abitudini degli italiani che si servono sempre di più degli store online.

Le nuove tecnologie danno un nuovo volto a Poste Italiane che continua ad accompagnare gli italiani nella transizione verso un’economia sempre più digitale nel rispetto della propria missione e dei valori di vicinanza al territorio e alla comunità che da sempre ne ispirano l’azione. Un percorso di sviluppo, quello proposto, per rispondere nel migliore dei modi possibili alle previsioni di crescita del mercato italiano del commercio elettronico in aumento del 20% da qui al 2022.

Una cura e una dedizione particolare e minuziosa per la strategia web quella voluta dall’ad Matteo del Fante, che continua a dare i suoi frutti con dati a dir poco soddisfacenti.

UN ESERCITO STRAORDINARIO

La riorganizzazione messa in atto dall’azienda coinvolge la rete di distribuzione più ampia e capillare del Paese: un esercito composto da 30 mila portalettere, oltre 12.800 uffici postali, circa 2.000 centri di distribuzione, il corriere espresso SDA e la flotta aerea Mistral Air che colloca Poste Italiane in una posizione privilegiata per cogliere le opportunità derivanti dal crescente sviluppo dell’e-commerce.

Una rete che anche nel 2018 ha dato grandi risultati: oltre 59 milioni di pacchi complessivi recapitati nella prima parte dell’anno, un incremento del 47% dei pacchi consegnati dalla rete dei portalettere rispetto al primo semestre 2017 e bene il 7,3% in più del volume complessivo di pacchi recapitati nella prima metà dell’anno. Poste Italiane consegna, inoltre, 1 pacco e-commerce su 3 e, grazie anche a un eccellente know-how nel settore dei pagamenti e del digitale, 1 acquisto online su 4 viene effettuato con carte Postepay.

TANTE NOVITÀ IN CAMPO

Un trend di crescita per Poste Italiane che ha rilasciato veramente tante novità digitali in favore dei suoi clienti. Dall’innovativo robot da 8 milioni di euro in grado di smistare 15 mila pacchi ogni ora, destinati ad ogni angolo d’Italia al nuovo modello di recapito Joint Delivery che tiene conto della densità di popolazione, dei differenti volumi di corrispondenza e pacchi e prevede consegne pomeridiane fino alle 19.45 e al sabato.

Ed ancora l’evoluzione della logistica legata all'e-commerce ha portato alla nascita di PuntoPoste, la nuova rete di prossimità, complementare a quella degli Uffici Postali, che permette di ritirare o restituire gli acquisti effettuati online e di spedire pacchi preaffrancati o prepagati grazie ai punti fisici di consegna convenzionati e da 290 locker, armadietti automatici collocati in diversi punti delle città che offrono un servizio no-stop 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

E poi la versione 2.0 del portalettere, ripensato e valorizzato nel suo ruolo storico che viene definito il “business dell’ultimo miglio” e che rappresenta il “cuore” delle attività di Poste Italiane. La capacità di consegnare pacchi fino a 5kg, peso all’interno del quale rientra l’80% del volume dell’e-commerce, unita ad una crescente attenzione per la rapidità e la puntualità delle consegne, fanno del moderno portalettere la carta vincente di Poste Italiane nell’era dell’e-commerce e dei servizi digitali. Dotati di palmare, stampante e pos, i portalettere 2.0 presidiano in modo capillare l’ultimo miglio della rete logistico-postale, e si trasformano in veri e propri uffici postali mobili, offrendo ai clienti l’opportunità di ricevere “a domicilio” un’offerta completa di servizi postali e finanziari.

27 Dicembre Dic 2018 0936 27 dicembre 2018
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso