Jeff Bezos Amazon Divorzio
Società
9 Gennaio Gen 2019 1556 09 gennaio 2019

Jeff Bezos ha annunciato il divorzio via Twitter

Il numero uno di Amazon e la moglie Mackenzie si separano dopo oltre 25 anni di matrimonio. «Abbiamo avuto una vita meravigliosa e resteremo comunque una famiglia».

  • ...

Un freddo comunicato congiunto postato su Twitter. Così l'uomo più ricco del pianeta, il Ceo di Amazon Jeff Bezos, ha annunciato il divorzio dalla moglie Mackenzie dop 25 anni di matrimonio. «Abbiamo deciso di divorziare e continuare le nostre vite come amici», recita il messaggio pubblicato da Bezos. «Ci riteniamo estremamente fortunati a esserci incontrati. Abbiamo avuto una vita meravigliosa come coppia sposata e abbiamo un grande futuro davanti a noi. Anche se l’etichetta è diversa, restiamo una famiglia».

LE NOZZE SEI MESI DOPO IL PRIMO INCONTRO

Il Ceo di Amazon aveva sposato MacKenzie Tuttle nel 1993, sei mesi dopo il loro primo appuntamento. Si erano incontrati per la prima volta a New York nel 1992: lui era vicepresidente dell’hedge fund De Shaw & Co., lei in cerca di lavoro. Il suo curriculum finì nelle mani di Jeff, che le fece un colloquio.

Con il divorzio Bezos rischia di perdere il titolo di più ricco del mondo, col suo patrimonio che allo stato attuale è stimato in 160 miliardi di dollari, l'equivalente di 138 miliardi di euro. MacKenzie è una scrittrice e in un'intervista a Vogue del 2013 aveva parlato delle differenze fra lei e Bezos: personalità in contrasto che si completano, aveva detto. Lei lo ha sempre sostenuto in tutti i suoi progetti, dal garage di Seattle all’impero milionario e per anni è stata la sua contabile. Insieme hanno avuto quattro figli, tre maschi e una femmina.

IL TITOLO DI AMAZON ACCUSA IL COLPO IN BORSA

I due nel 2018 hanno lanciato un fondo di beneficenza da 2 miliardi di dollari chiamato Day One Fund e si crede che continueranno a occuparsene insieme. Al Nasdaq Amazon è scivolata dello 0,2% a 1.655 dollari. Il mercato resta in attesa dei dettagli finanziari del divorzio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso