Cosmoprof 2019

Cosmoprof Worldwide Bologna nel segno della sostenibilità

Per il 2019, alla manifestazione della cosmetica attenzione puntata su ambiente ed economia circolare. Si tracciano le linee per il futuro green del comparto 

  • ...

Ai nastri di partenza Cosmoprof Worldwide Bologna 2019, la manifestazione B2B per l'industria cosmetica leader a livello mondiale e in programma dal 14 al 18 marzo, che anche quest’anno ha chiamato a raccolta gli operatori professionali di oltre 152 Paesi e oltre 3 mila espositori da 70 Stati. L’edizione 2019 porta in scena un viaggio nel tempo nel regno della bellezza mettendo sul banco di prova non solo i prodotti più innovativi e le tecnologie produttive all’avanguardia, ma soprattutto le proposte sostenibili per l’ambiente che sfruttano i risultati della ricerca più avanzata oltre che gli ingredienti e i trattamenti risalenti ad antiche tradizioni popolari.

LA SVOLTA IN CHIAVE GREEN

Sostenibilità, ambientale ed economia circolare sono le parole chiave che guidano Cosmoprof Worldwide Bologna 2019. In un momento storico in cui il tema della salvaguardia dell’ambente influenza gli equilibri sociali, economici e geopolitici, l’industria cosmetica inevitabilmente è chiamata ad affrontare una svolta in chiave sostenibile. Cosmoprof Worldwide Bologna 2019 vuole dare voce a questa esigenza. Vuole tracciare le nuove linee da seguire per lo sviluppo dell’industria cosmetica a livello mondiale, delineando le strategie per lo sviluppo futuro del comparto progettando nuove collaborazioni.

NUOVE SOLUZIONI PER DIFENDERE L’AMBIENTE

Non solo spazio alla cosmesi green. Quest’anno Cosmoprof va oltre e sottolinea la necessità per le aziende del comparto di trovare nuove soluzioni produttive sensibilizzando le realtà produttive alla salvaguardia dell’ambiente, puntando l’attenzione sui processi, i materiali e le tecnologie che sono in grado di rendere i processi di lavorazione meno dannosi per l’ambiente.

In questa direzione Cosmoprof ha trovato l’appoggio dei partner internazionali che concordano nell’affermare che la sostenibilità non è più una possibilità, ma un elemento imprescindibile nel processo di creazione, produzione e distribuzione di un prodotto. Il consumatore moderno è sempre più attento al rispetto della pelle e del corpo oltre che ai risvolti sociali, economici ed ecologici che derivano dall’utilizzo dei prodotti del comparto beauty. E allora per questo non si può più demandare la via della sostenibilità. I risultati avuti fino ad ora non sono indifferenti e tanti sono gli esempi virtuosi di industrie beauty che hanno adottato strategie a basso impatto ambientale.

L’EVOLUZIONE SOSTENIBILE di BOLOGNAFIERE

I primi passi verso una strada sostenibile si sono adottati anche nel quartiere fieristico BolognaFiere che ospita l’evento. Dallo scorso autunno è stato infatti coinvolto in un processo di riqualificazione delle costruzioni. Importanti investimenti sono stati messi in atto per migliorare la gestione delle acque, con sistemi di recupero delle acque piovane, del verde, con adeguamenti delle aree esterne, e della mobilità, con uno studio sulla razionalizzazione del traffico nell’area del quartiere. Un impianto di Co-generazione sfrutta, inoltre, il calore di recupero delle caldaie per produrre energia. I padiglioni sono tutti a illuminazione a LED e gli allestimenti presentano tutti materiali riciclabili con un minor impiego di tinture e vernici.

IL GREEN DI COSMOPROF 2019

Il rispetto per l’ambiente pervade dunque ogni singolo angolo, gesto, parola e pensiero dell’edizione 2019 di Cosmoprof Worldwide Bologna. Nei padiglioni la fanno da padron gli ingredienti di origine naturale presenti all’interno di Cosmoprime e Green Prime, quelli tipici dell’industria alimentare, come il vino, il tè o l’aceto, che si fanno paladini della tecnica di riciclo e riutilizzo degli scarti di altre lavorazioni, fino alle sempre maggiori proposte vegan e cruelty free che mettono al bando i prodotti di origine animale e scelgono, invece, ingredienti e colorazioni naturali. Particolare attenzione anche alle materie prime naturali espressione di un’industria legata al territorio e a prodotti “a kilometro 0”. Massimo esempio di tutto questo è NO.CO. - NO COMPROMISE, un’installazione multi-settore, che ripercorre tutti i processi di produzione di un prodotto per la cura e la detersione dei capelli. Il tutto fatto in chiave green. Il prodotto NO.CO. ha una formulazione naturale ed è “water-safe”. Cosa significa? Che per eliminarlo è sufficiente un terzo della normale quantità di acqua utilizzata in fase di risciacquo di un comune shampoo. Inoltre, il packaging è realizzato in PET riciclabile frutto della plastica raccolta nel quartiere fieristico durante Cosmoprof.

15 Marzo Mar 2019 0931 15 marzo 2019
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso