Calcioscommesse 111221174738
L'INCHIESTA
20 Febbraio Feb 2012 1615 20 febbraio 2012

Calcioscommesse, Bari: si indaga per mafia

Il pm: «Esponenti dei clan erano d'accordo con con gli atleti».

  • ...

Le partite dello scorso campionato di serie A del Bari sarebbero state pilotate da alcuni calciatori biancorossi non solo a beneficio degli zingari indagati dalla procura di Cremona ma anche di esponenti della mafia barese che avrebbero così riciclato danaro sporco.
Nell'ambito dell'indagine, nella quale si ipotizzano i reati di associazione mafiosa, frode sportiva e riciclaggio sono stati ascoltati alcuni giocatori biancorossi come 'persone informate dei fatti' ai quali sono state rivolte domande relative anche alla presenza negli spogliatoi del San Nicola di esponenti della mafia barese.
LE MANI DEGLI ZINGARI. A quanto si è appreso, i calciatori finora ascoltati non hanno riconosciuto alcun malavitoso. Nel capoluogo pugliese - hanno ipotizzato gli investigatori - avrebbe quindi agito un'autonoma associazione criminale di tipo mafioso che, avendo saputo delle combine organizzate da calciatori biancorossi con gli zingari, si sarebbe inserita nell'affaire scommesse sia per ripulire i proventi dei traffici illeciti sia per fare cassa. Una decina gli indagati tra cui giocatori, anche ex, del Bari.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso