Mondiale 2014, Uruguay-Costa Rica 1-3

Campbell show. Uruguay sconfitto 3-1.

  • ...

Alla faccia della cenerentola. La Costa Rica non è una squadra materasso. Ne sa qualcosa l'Uruguay, che ha cominciato il suo Mondiale brasiliano con una pesante sconfitta per 3-1 nella prima partita del girone D (lo stesso dell'Italia). Illusorio il vantaggio di Edinson Cavani su rigore, seguito dallo show di Joel Campbell, che prima ha segnato l'1-1, poi ha realizzato l'assist per il 3-1 di Marco Ureña. In mezzo il volo d'angelo di Oscar Duarte, per il vantaggio dei centroamericani.
FORLAN IN CAMPO. No Suarez no party. In campo c'è Diego Forlan, ma dell'eroe di Sudafrica 2010 resta solo il ricordo sbiadito. Oscar Tabarez, costretto a fare di necessità virtù, si è affidato a Edinson Cavani. E la stella del Paris Saint Germain ha deluso. Al di là del gol su calcio di rigore, infatti, l'Uruguay ha fatto fatica, pur andando vicino al raddoppio con una conclusione di sinistro di Forlan sporcata da una deviazione, che ha costretto Keylor Navas a una bella e difficile parata.
NELLA RIPRESA SI ACCENDE CAMPBELL. Lo spettacolo sarebbe arrivato nel secondo tempo. E avrebbe portato la firma di Joel Campbell. Lui sì che ha fatto la differenza. Prima il gol con un sinistro potente dall'interno dell'area, poi l'assist geniale per il 3-1 del neo entrato Marco Ureña, in rete al primo pallone toccato al Mondiale.
Ma la Costa Rica era già passata in vantaggio con Oscar Duarte, professione difensore, fisico da corazziere, e istinto da predatore d'area. Lui il più veloce a gettarsi sul pallone calciato da Cristian Bolaños. Più rapido di un Fernando Muslera decisamente rivedibile nel fondamentale dell'uscita.
GRANDE PARTITA DI KEYLOR NAVAS. Eccezionale, invece, il suo collega costaricano. Keylor Navas ha sfiorato il miracolo sul rigore di Cavani e ha chiuso la porta all'ex attaccante del Napoli anche nel secondo tempo, volando su un suo colpo di testa. Ma non ha certo dovuto rispondere a un assedio.
Poca roba l'Uruguay, anche con gli ingressi in campo di Nicolas Lodeiro, Alvaro Gonzalez e Abel Hernandez. Nel finale, in pieno recupero, è arrivata anche l'espulsione per Maxi Pereira, dopo un brutto fallo su Campbell. Per il ct Oscar Tabarez tante cose su cui riflettere, e una sola speranza: che Luis Suarez recuperi il prima possibile. Senza di lui, il valore della Celeste scende notevolmente.

Il tabellino

Uruguay-Costa Rica 1-3 (primo tempo 1-0)

Marcatori. Cavani (rigore) 24' pt; Campbell 9' st, Duarte 13' st, Urena 39' st.
Uruguay (4-4-2). Muslera; M. Pereira, Lugano, Godin, Caceres; Stuani, Arevalo Rios, Gargano (16' st A. Gonzalez), Rodriguez (31' st Hernandez); Forlan (15' st Lodeiro), Cavani.
A disposizione. Munoz, Silva, Fucile, A. Pereira, Suarez, Gimenez, Perez, Ramirez, Coates.
Allenatore. Tabarez.
Costa Rica (5-4-1). Navas; Gamboa, Duarte, G. Gonzalez, Umana, Diaz; Borges, Ruiz (38' st Urena), Bolanos (43' st Barrantes), Tejeda (30' st Cubero); Campbell.
A disposizione. Pemberton, Cambronero, Acosta, Myrie, Francis, Granados, Brenes, Miller, Calvo.
Allenatore. Pinto.
ARBITRO. Brych (Germania)
Note. Espulso M. Pereira al 48' st. Ammoniti Lugano, Gargano e Caceres.

La classifica

Girone D

14 Giugno Giu 2014 2254 14 giugno 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso