Prandelli 140619202009

Mondiale 2014, Prandelli su Italia-Costa Rica «È la partita più difficile del girone»

Il ct cauto sugli sfidanti. Balo: «Voglio vincere».

  • ...
Il commissario tecnico della Nazionale, Cesare Prandelli.

Gioca sulla difensiva, Cesare Prandelli per Italia-Costa Rica. E sulla seconda sfidante della Nazionale al Mondiale di Brasile 2014, il commissario tecnico degli azzurri ha smorzato gli entusiasmi.
«La Costa Rica è molto temibile», è stata la tesi di Prandelli illustrata nella conferenza stampa della vigilia all'Arena Pernambuco. Perché il tecnico ha amesso di aver «studiato» per mesi il calendario dell'Italia e di essere arrivato a una conclusione: «Sono una squadra molto ben organizzata, che conosce a memoria il suo sistema di gioco».
URUGUAY, VITTORIA MERITATA. Tanto che la vittoria contro l'Uruguay, secondo il ct dell'Italia non è stata certo una casualità: «Hanno meritato di vincere: davanti hanno tre giocatori di qualità, capaci di giocare uno-contro-uno e attaccare la profondità». Ecco perché la gara di venerdì 20 giugno è per Prandelli la «più temibile del girone».
CAMPBELL DA TENERE D'OCCHIO. L'uomo da tenere d'occhio è ovviamente Campbell (autore del primo gol contro l'Uruguay), «attaccante moderno e interessante», che «sa trovare la porta da fuori area» e «con il primo controllo sa creare situazioni pericolose».

Silenzio però sulla formazione. Perché secondo Prandelli le ultime ore sono «decisive per capire se i piccoli infortuni che hanno colpito alcuni calciatori sono stati recuperati».
Andrea Barzagli, infatti, «sente sempre dolore ai muscoli», anche se si è allenato con il gruppo. Mentre Gigi Buffon, «avverte ancora un leggero gonfiore alla caviglia distorta», eppure è molto probabile che sia lui a giocare, con Salvatore Sirigu costretto a tornare in panchina.
BALO VUOLE IL MONDIALE. Chi gioca di sicuro è Mario Balotelli. L'attaccante del Milan sembra il lontano parente del giocatore viziato visto troppe volte.
«Non voglio essere la star, ma vincere», ha detto SuperMario, autore del gol partita contro l'Inghilterra. E, come Prandelli, ha dimostrato molta cautela parlando della Costa Rica, definita «un'ottima squadra» il cui miglior modo per «rispettarla è dare il 200%».
Insomma, l'Italia punta a vincere, ma ci va con i piedi di piombo. E se pure la sua stella ha preferito non esagerare con la fiducia, significa che la Costa Rica fa paura per davvero.

19 Giugno Giu 2014 2000 19 giugno 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso