Mondiali Di Russia 2018
Mondiali di Russia 2018
Croazia
Sport
6 Giugno Giu 2018 1700 06 giugno 2018

I convocati della Croazia ai Mondiali 2018 in Russia

Il ct Dalic dovrà trasformare il talento e classe di un gruppo di campioni in una squadra vincente.

  • ...

A 20 anni esatti dal terzo posto nel Mondiale francese, la Croazia si ripresenta alla fase finale di un torneo iridato con le credenziali di squadra capace di tutto: di grandi imprese ma anche di clamorosi tonfi. In Francia, nel 1998, trascinata da gente come Zvonimir Boban, Davor Suker e Robert Prosinecki, la formazione con la maglia a scacchi bianchi e rossi si arrese in semifinale solo ai padroni di casa, che poi avrebbero vinto anche il loro primo e finora unico titolo, costringendoli però a trascorrere una brutta mezz'ora. Nazionale ricca di talenti, molti dei quali ancora inespressi, ma spesso disomogenea e anche per questo discontinua, la Croazia spera di trovare la giusta armonia, per scrivere una nuova pagina di storia.

VIA VAI DI COMMISSARI TECNICI. Il cammino verso il torneo in Russia è stato a dir poco tormentato: dopo avere rischiato di stravincere un girone nemmeno troppo difficile, i croati sono stati preceduti in classifica dall'Islanda e si sono trovati costretti ad affrontare l'appendice del Play-off contro la Grecia. I rischi connessi a una possibile mancata qualificazione sono costati la panchina ad Ante Cacic, che aveva a sua volta sostituito Niko Kovac dopo l'Europeo 2016, concluso con una cocente eliminazione per mano del Portogallo negli ottavi, ai supplementari. Dal 7 ottobre 2017, la squadra è stata così affidata a Zlatko Dalic con un passato anche in Arabia ed Emirati, già alla guida dell'Under 21. Sarà lui a dover mettere tutti i big di cui dispone nelle condizioni di esprimersi al massimo.

MOLTI NOMI DALLA SERIE A. L'organigramma della Nazionale croata è infatti di prim'ordine, per talento ed esperienza: non tutti possono permettersi un centrocampo con Luka Modric e Ivan Rakitic, giocatori-cardine di Real Madrid e Barcellona, gente abituata a vincere e a offrire nei rispettivi club un rendimento di altissimo livello. Tuttavia, nella Croazia c'è anche uno zoccolo duro della Serie A, formato dal napoletano Rog, dagli interisti Brozovic e Perisic, dal fiorentino Badelj, dal doriano Strinic, dal milanista Kalinic e dallo juventino Mandzukic. Cosa chiedere di più e di meglio? Se ciascuno di loro giocasse almeno al 70% sarebbero guai per gli avversari. Una rosa dal valore di quasi 400 milioni non può deludere le attese e non dovrebbe avere difficoltà a superare il primo turno. Il modulo su cui punta il ct dovrebbe essere il 4-2-3-1, con Lovre Kalinic in porta e Kramaric dell'Hoffenheim terminale offensivo. Modric e Rakitic sono i mediani, dietro Pjaca, Kovacic e Mandzukic. In difesa l'esperienza di Vrsaljko e di Corluka garantiscono una certa solidità. Il resto dovrà farlo l'allenatore, trasformando un'accolita di campioni in squadra.

La lista dei convocati della Croazia ai Mondiali 2018

PORTIERI

Subasić (Monaco), L.Kalinić (Gent), Livaković (Dinamo Zagabria), Letica (Hajduk Spalato)

DIFENSORI

Corluka (Lokomotiv Mosca), Vida (Besiktas), Strinić (Sampdoria), Lovren (Liverpool), Vrsaljko (Atlético Madrid), Pivarić (Dynamo Kiev), Jedvaj (Bayer Leverkusen), Mitrović (Club Brugge), Barisić (Osijek), Nizić (Hajduk Spalato), Ćaleta-Car (Red Bull Salisburgo), B.Sosa (Dinamo Zagabria)

CENTROCAMPISTI

Modrić (Real Madrid), Rakitić (Barcellona), Kovacić (Real Madrid), Badelj (Fiorentina), Brozović (Inter), Rog (Napoli), Pasalić (Spartak), Bradarić (HNK Rijeka), Perisić (Inter)

ATTACCANTI

Mandzukić (Juventus), Kalinić (Milan), Kramarić (Hoffenheim), Pjaca (Schalke 04), Rebić (Eintracht Francoforte), Cop (Standard Liegi), Santini (Caen)

CT

Zlatko Dalic

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso