Mondiali Di Russia 2018
Mondiali di Russia 2018
Ronaldo Messi Mondiali
30 Giugno Giu 2018 2201 30 giugno 2018

Mondiali 2018, Uruguay-Portogallo 2-1: anche Ronaldo eliminato

Ottavi di finale: una doppietta di Cavani porta la Celeste ai quarti contro la Francia. Inutile il gol di Pepe. Cristiano come Messi: già fuori. Senza aver mai segnato in un match a eliminazione diretta.

  • ...

I Mondiali 2018 hanno perso anche Cristiano Ronaldo. L'Uruguay ha battuto 2-1 il Portogallo con una doppietta di Cavani e si è qualificato ai quarti al termine della partita degli ottavi giocata a Sochi. Il 6 luglio lo attende la Francia che ha eliminato l'Argentina di Messi. E così dopo le due finaliste dell'edizione 2014, Germania e Albiceleste, è uscito pure il cinque volte Pallone d'oro.

INFORTUNIO PER IL MATADOR. I campioni d'Europa 2016 sono stati battuti 2-1 a Sochi dall'Uruguay di Cavani, autore di una splendida doppietta ma che ora tiene in ansia i tifosi della Celeste per l'infortunio che lo ha costretto a uscire al 29' della ripresa. A sorreggerlo durante l'uscita dal campo è stato Ronaldo, accorso in suo aiuto in nome del fair play (ma forse anche per impedirgli di perdere tempo).

PURE UN GIALLO FINALE A CR7. Nel recupero Cristiano si è anche fatto ammonire, unico "giallo" di questa partita, per aver protestato troppo vivacemente per un presunto fallo in area su Quaresma. A quel punto ha capito che era finita, al Portogallo non è servito neppure l'ultimo disperato assalto in cui il portiere Rui Patricio si è trasformato in attaccante aggiunto.

Messi e Ronaldo nei Mondiali non sono mai riusciti a segnare in partite a eliminazione diretta. Con questo di Sochi il fuoriclasse portoghese ha giocato 17 match iridati, in 4 edizioni

Così Cr7, a 33 anni, ha mantenuto anche un altro poco invidiale record che detiene assieme a Messi, rivale di sempre: nei Mondiali non è mai riuscito a segnare in partite a eliminazione diretta. Con questo di Sochi il fuoriclasse portoghese ha giocato 17 match iridati, in 4 edizioni, ma delle sue sette reti in totale nessuna è arrivata dopo la fase a gironi. Esattamente come la Pulce con l'Argentina.

TRIANGOLO LARGO COL PISTOLERO. Intanto la aficion uruguayana, felice per il meritato successo della sua nazionale, ha lasciato lo stadio Olimpico cantando "torneremo a essere campioni, come la prima volta". Sarà dura se Cavani non recupererà in tempo. La Celeste è andata in vantaggio al 7' grazie a una splendida azione di Cavani con passaggio verso l'altro lato del campo per Suarez. Poi il Matador, in area, è arrivato puntuale per il colpo di testa (un po' mento un po' petto) vincente sul cross del Pistolero.

Cristiano Ronaldo ammonito dall'arbitro.

Cr7, che si è allontanato troppo dall'area, ha continuato a essere marcatissimo, il Portogallo ha cercato di allargare il gioco sulle fasce. Al 10' della ripresa Pepe ha fatto crollare l'imbattibilità mondiale di Muslera, durata (minuti di recupero compresi) 339', con un colpo di testa su azione da calcio d'angolo. Non è stato esente da colpe Godin, che ha dimenticato di chiudere sull'avversario.

CONTINUA IL SOGNO DEL MAESTRO. Ma il pari è durato solo sette minuti, il tempo per Cavani di inventare un altro gol con una parabola d'interno destro imparabile per Rui Patricio, così il Portogallo ha dovuto di nuovo inseguire, ma non è riuscito a riagganciare i rivali. Il Maestro Tabarez è andato avanti: otto anni fa condusse i suoi al quarto posto finale e l'obiettivo sarebbe di ripetere almeno quel piazzamento. Per dedicare l'impresa a lui, quel tecnico così amato dai suoi che ormai si trascina a fatica per la malattia neurologica che lo affligge

Mondiali 2018, agli ottavi Francia-Argentina 4-3: Messi a casa

Kylian Mbappé è stato un ciclone che si è abbattuto sull'Argentina eliminando Lionel Messi dai Mondiali 2018 e trascinando la Francia ai quarti di finale. A Kazan, nella prima partita degli ottavi, che si rivelerà essere la più spettacolare del torneo fin qui, è definitivamente esplosa la stella del 19enne del Paris Saint-Germain.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso