Federer
2 Luglio Lug 2018 1527 02 luglio 2018

Tennis, Uniqlo copre d'oro Federer per strapparlo a Nike

Al suo esordio a Wimbledon lo svizzero abbandona il brand statunitense dopo 24 anni. Dal Giappone un'offerta faraonica da 30 milioni l'anno. Che lo costringerà a  rinunciare alla sua linea personale.

  • ...

Un connubio giunto al termine dopo oltre 20 anni. Al suo esordio sul centrale di Wimbledon Roger Federer non ha sfoggiato il tradizionale completo total white griffato Nike. Confermando le indiscrezioni circolate nei mesi scorsi, lo svizzero si è presentato per la prima volta vestendo i panni della giapponese Uniqlo.

CONTRATTO DI 10 ANNI. Una svolta epocale nel mondo del tennis, frutto di un'offerta irrinunciabile a re Roger da parte del brand giapponese: 30 milioni l'anno per i prossimi 10, ben oltre dunque il termine della carriera dell'otto volte vicitore di Wimbledon.

OFFERTA TRIPLICATA RISPETTO A NIKE. Federer raccoglie il testimone di ambasciatore di Uniqlo lasciato vacante dal passaggio di Novak Djokovic a Lacoste, spezzando così un binomio nato nel 1994, quando Federer firmò il primo contratto col marchio statunitense. L'ultimo rinnovo con Nike, siglato nel 2008, gli garantiva una cifra attorno ai 10 milioni di dollari.

INCERTA LA SORTE DELLA LINEA PERSONALE. Resta ora da capire quali saranno le sorti del brand RF, marchio registrato da Federer con Nike e secondo a popolarità solo al celeberrimo Air Jordan. E proprio Michael Jordan, a 55 anni e a 15 dal ritiro, resta ancora lo sportivo che guadagna di più in termini di contratto di abbigliamento: 60 milioni di dollari l’anno frutto di un contratto a vita con Nike. A dimostrazione che non è necesseario continuare a mietere vittorie sul campo per mantenere un impero economico.

LE CALZATURE RESTANO LE STESSE. Ultima curiosità: Uniqlo è specializzata in abbigliamento sportivo fatta eccezione per le scarpe, motivo per cui Federer è stato 'costretto' a indossare le tradizionali Nike al suo esordio a Wimbledon.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso