Buffon Psg
9 Luglio Lug 2018 1647 09 luglio 2018

Cosa pensano i francesi di Buffon al Psg

Nel giorno della presentazione al Parco dei Principi c'è chi celebra la leggenda, ma pure chi storce la bocca. Da Libération («Un prepensionato d'oro») a Le Monde («Sicuri che sarà titolare?»): i media transalpini sull'ingaggio dell'ex numero uno juventino.

  • ...

Sbarco di una leggenda o incenso per un ormai ex campione?
Sarà la data infausta, 12 anni esatti dalla capocciata di Zidane a Materazzi e dalla coppa del mondo sollevata da Fabio Cannavaro in faccia ai galletti di Raymond Domenech, ma la prima di Gigi Buffon al Parco dei Principi non ha sedotto proprio tutti i francesi. O per lo meno, nel giorno della sua presentazione, a qualcuno è venuto il dubbio che il ragazzone di Carrara non fosse proprio lo stesso che prendeva pure le mosche ai tempi in cui il cielo si tingeva d'azzurro sopra Berlino.

«Sono sbarcato a Parigi con l'entusiasmo di un ragazzo», ha detto Buffon in conferenza stampa. «È vero che la carta d'identità non tradisce», ma «l'energia c'è». «A 40 anni, posso dimostrare di essere ancora grande: e lo dimostrerò».

LIBÉRATION: «UNE PRÉRETRAITE DORÉE» (UN DORATO PREPENSIONAMENTO)

Il maccheronico francese non c'entra (le zoppie di pronuncia si sa, danno l'orticaria ai cugini d'oltralpe): per Libération l'ingaggio di Buffon è “une préretraite dorée” (un dorato prepensionamento).
«Davvero è una buona idea ingaggiare un portiere di 40 anni?», si è chiesto il quotidiano del III arrondissement di Parigi, poco convinto dell'operazione sia sul piano tecnico («è integro ma si siamo sicuri sia venuto a fare il titolare? In rosa ci sono due portieri di livello mondiale in rosa, Alphonse Areola e Kevin Trapp») che su quello mediatico.

Il titololo di Libération: «Gianluigi Buffon al Psg, ma a quale scopo?»

«Certo non può essere definito, come ha fatto qualcuno, il David Beckham del Paris Saint Germain ma il suo ingaggio, dopo quelli roboanti di Neymar e Kylian Mbappé nel 2017-18, potrebbe ridonare un'immagine più sobria a un club comunque sotto la lente del fair play finanziario senza sembrare un acquisto di basso profilo». Insomma, non certo un pezzo infarcito di benevolenza.

LE MONDE: «SICURI CHE SARÀ TITOLARE?»

Anche Le Monde (che pure gli tributa l'appellativo di «numero uno che ha fatto la storia del calcio italiano e della Juventus proprio come Dino Zoff, che ha concluso la sua carriera all'età di 41 anni») non ha paura di peccare di lesa maestà sottolineando come l'assegnazione dei galloni da titolare rappresenti la prima patata bollente tra le dita del neo-tecnico dei parigini Thomas Tuchel: «Di ritorno dal mondiale Areola ha già dichiarato che non farà panchina e siamo sicuri che sarà così facile far accettare al tedesco Trapp il ruolo ti terzo portiere?».

France Football omaggia il portiere italiano.

Per fortuna che France Football, che tempo fa l'ha nominato miglior portiere della storia e che nel 2006 nonostante lo sgarbo mondiale stava per eleggerlo l'unico estremo difensore da Pallone d'Oro dopo il "ragno nero" Yashin, non ha perso l'antica benevolenza nei riguardi del Gigione nazionale. Parole al miele riportate degli illustri colleghi, da Courtois a Sirigu, da Canizares a Donnarumma: «Buffon, tu es simplement une légende». E questo non c'è bisogno di tradurlo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso