Manchester United Mourinho Esonero
Sport
22 Agosto Ago 2018 1755 22 agosto 2018

Manchester United nel caos, Mourinho rischia l'esonero

I mal di pancia di Pogba. Le polemiche di Raiola con Scholes. Le critiche delle leggende dei Red Devils. La sfida col Tottenham già decisiva. Per lo Special One continua la maledizione della terza stagione?

  • ...

In casa Manchester United regna il caos. Tutti contro tutti, con José Mourinho sempre più inviso da gran parte dei tifosi dell'Old Trafford. La fallimentare tournée estiva prima, le esternazioni polemiche del manager portoghese poi, quindi i mal di pancia di Paul Pogba e l'avvio deludente in campionato: sono questo gli elementi del malessere diffuso che serpeggia a Carrington, il centro sportivo dei Red Devils.

LA GARA COL TOTTENHAM SNODO DECISIVO

Dopo due giornate sono già tre i punti di svantaggio dal Manchester City, che fin qui appare di un'altra categoria rispetto ai cugini. E lunedì lo United attende la visita del Tottenham, in quello che assomiglia molto ad uno scontro decisivo. Una sconfitta rischia di far precipitare una situazione già critica, e compromessa da inutili polemiche.

IL PROBLEMA POGBA E LO SCONTRO RAIOLA-SCHOLES

L'ultima è stata innescata da Mino Raiola che ha sbeffeggiato - via social media - l'ex leggenda Paul Scholes, reo di aver espresso qualche riserva sulle qualità di leader di Pogba. Per il popolo dei Red Devils la risposta piccata dell'agente italo-olandese è risultata un oltraggio insopportabile, e anche ex campioni dell'Old Trafford si sono schierati al fianco di Scholes.

IL POPOLO DEI RED DEVILS INVOCA L'ESONERO

L'ennesima polemica dopo le voci, alimentate da tabloid e bookmakers, sul possibile allontanamento di Mourinho. Un esonero sostenuto anche da una campagna di crowdfunding, promossa da un tifoso dello United attraverso la piattaforma GoFundMe. Servirebbero 12 milioni di sterline per dare il benservito al portoghese, finora sono state raccolto appena 25 sterline. Ma se la società ha prontamente smentito ogni contatto con Zinedine Zidane, da molti considerato il tecnico ideale per subentrare a Mourinho, è sempre più evidente lo scollamento tra il tecnico e la squadra, definita da Paul Ince - altra leggenda a Manchester - "un casino totale" e "lo zimbello" della Premier League.

LA MALEDIZIONE DELLA TERZA STAGIONE

Se il mercato estivo lo aveva frustrato, quest'inizio di stagione appare ancor più fuori controllo per Mourinho, l'ex Special One, incapace di schivare la maledizione della terza stagione, quando invariabilmente termina bruscamente il suo rapporto professionale con la squadra che sta allenando. È già successo con il Real Madrid e, in tempi più recenti, al Chelsea: i pessimi rapporti con il vice-presidente Ed Woodward suggeriscono un epilogo inevitabilmente identico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso