Volley Mondiali 2018 Calendario
Sport
7 Settembre Set 2018 1656 07 settembre 2018

Guida ai Mondiali di volley 2018

L'Italia vuole stupire nella manifestazione che ospita assieme alla Bulgaria. In campo dal 9 al 30 settembre. Brasile squadra da battere con Polonia e Russia. Esordio azzurro col Giappone. Le cose da sapere.

  • ...

Riscattare la delusione dell'Europeo 2017, sognando, chissà, di ripetere le super prestazioni dei Giochi di Rio, conclusi con un argento tanto inatteso quando entusiasmente. L'Italia è pronta a dar battaglia ai Campionati mondiali di volley, che ospiterà assieme alla Bulgaria dal 9 al 30 settembre.

GLI AZZURRI A CACCIA DEL QUARTO TITOLO

Due anni fa in Brasile il fattore campo ebbe il suo peso nel trionfo verdeoro e la speranza azzurra è che la situazione si ripeta a beneficio della Nazionale di Gianlorenzo Blengini, visto che la finale del 30 settembre è in programma al PalaAlpitour di Torino. Vorrebbe dire conquistare il quarto titolo, dopo l'epoca d'oro degli Anni 90 con la tripletta targata Velasco (due) e Bebeto (uno).

LA FORMULA: 24 SQUADRE DIVISE IN SEI GIRONI

Ventiquattro le squadre al via, divise in quattro gironi da sei formazioni ciascuno. Le prime quattro classificate si qualificano alla seconda fase portandosi dietro tutti i risultati ottenuti. La seconda tornata prevede che le 16 Nazionali rimaste in corsa siano suddivise in quattro gironi da quattro squadre ciascuna in base a incroci predefiniti. Le quattro vincitrici e le due migliori seconde si qualificano alla terza fase dove si disputeranno altri due gruppi da tre ciascuno che condurranno alle semifinali incrociate.

IL CALENDARIO DELL'ITALIA: ESORDIO COL GIAPPONE

Si parte domenica 9 a Roma, alla presenza del presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Il vernissage iridato, con gli azzurri di fronte al Giappone (inizio del match alle 19.30), è in programma allo stadio del tennis del Foro Italico: scongiurato lo spauracchio meteorologico, con l'eventuale cambio di sede e lo spostamento al PalaLottomatica in caso di pioggia. Dopo la partita d'esordio a Roma, gli Azzurri si trasferiranno a Firenze, affrontando le altri rivali del gruppo A: Argentina, Belgio, Slovenia e Repubblica Dominicana. Per avanzare alla seconda fase Giannelli e compagni dovranno battere squadre in crescita, come quella belga (che ha superato gli azzurri nell'ultimo Europeo) e il sestetto sloveno, i cui giocatori sono protagonisti della Superlega italiana. Le stelle azzurre sono i soliti Ivan Zaytsev e Osmany Juantorena, i 'tagliati' dell'ultim'ora il centrale Roberto Russo e lo schiacciatore Oleg Antonov.

LE FAVORITE: SETTE SQUADRE IN LIZZA PER LA VITTORIA

Il girone più equilibrato e ricco di spunti sembra essere il C, che si giocherà a Bari: in campo tre big mondiali come Usa, Russia e Serbia. Sette le squadre che possono ambire al titolo iridato. Oltra al Brasile campione Olimpico e che ha giocato le ultime quattro finali iridate, la Polonia campionessa del Mondo e la Russia campionessa d’Europa. Ma anche la Francia seconda in Nations League, gli Stati Uniti terzi a Rio 2016 e in Nations League e la Serbia. Senza ovviamente dimenticare gli Azzurri.

DOVE SI GIOCA: CINQUE CITTÀ ITALIANE E TRE BULGARE

Le sedi italiane sono sei, per una sorta di Mondiale 'diffuso': oltre a Roma, Firenze, Bari, Bologna, Milano e Torino. Trentanove le partite in 21 giorni, ospitate oltre alle città italiane dalle bulgare Varna, Ruse e Sofia, dove si disputeranno le partite della prima fase dei gironi B e D e alcuni match della seconda.

DOVE VEDERE I MATCH: TUTTE LE PARTITE TRASMESSE DALLA RAI

Imponente l'impegno Rai, che trasmetterà tutti i match (31 in diretta e otto in differita) con commenti arricchiti da studi pre e post partita, interviste, speciali e novità tecniche nella ripresa televisiva con l'ausilio della realtà aumentata che permetterà al telespettatore di sentirsi "dentro" l'evento. Tutte le partite dell'Italia, che dopo l'esordio romano contro i nipponici si sposterà a Firenze per affrontare Belgio (13 settembre, ore 21.15) , Argentina (15 settembre ore 21.15) , Repubblica Dominicana (16 settembre ore 21.15) e Slovenia (18 settembre ore 21.15), andranno in onda in diretta su RaiDue, con la telecronaca di Maurizio Colantoni e Andrea Lucchetta e le interviste di Luca Di Bella, mentre Simona Rolandi e Gigi Mastrangelo saranno i "padroni di casa" nel salotto che ospiterà la presentazione e i commenti dopo la gara. RaiSport + HD, invece, sarà il canale dedicato alla trasmissione di tutte le altre gare, sia quelle della prima fase sia quelle della seconda che non vedranno in campo l'Italia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso