Ferrari Formula 1 Sf90 Foto 4

La presentazione della Ferrari F1 2019

La nuova monoposto di Maranello si chiamerà SF90. Vettel e Leclerc tolgono i veli alla prima vettura con Binotto come team principal. Rosso meno acceso e inserti neri con linee essenziali.

  • ...

Il conto alla rovescia è terminato. La nuova monoposto della Ferrari che tornerà a caccia del Mondiale di Formula 1, nel tentativo di spezzare la dittatura della Mercedes e di Lewis Hamilton, è stata presentata nella mattinata di venerdì 15 febbraio. Tolti i veli alla vettura che punterà a riportare il titolo che dalle parti di Maranello manca dal 2007 per i piloti e dall'anno successivo per i costruttori.

LA NUOVA MONOPOSTO SI CHIAMERÀ SF90

Confermate le indiscrezioni delle ultime ore, il nome della nuova monoposto sarà SF90, per omaggiare i 90 anni della Scuderia Ferrari, fondata dal Drake nel 1929. Tinta rossa meno accesa, inserti neri e linee semplici, specialmente nell'ala anteriore per assecondare le nuove norme regolamentari sull'aerodinamica: sono queste le caratteristiche più evidenti della nuova SF90.

La 65esima monoposto realizzata dalla Ferrari per il mondiale di Formula 1, la sesta della generazione ibrida, è realizzata nel rispetto dei nuovi regolamenti che impongono diverse modifiche: tra le più evidenti, appunto, quelle alle ali. L'anteriore è più larga e più semplice nei suoi profili aerodinamici, la posteriore è più larga e alta. I deviatori di flusso sulle fiancate sono stati ridotti in altezza, mentre le prese d'aria dei freni anteriori sono state semplificate. Il peso complessivo della vettura sale a 743 kg, con il pilota e l'equipaggiamento che devono obbligatoriamente pesarne 80. La quantità di carburante disponibile per la gara è salita da 105 a 110 kg.

VETTEL, LECLERC E BINOTTO TOLGONO I VELI ALLA VETTURA

Grande curiosità c'era per le prime impressioni di Sebastian Vettel, 31 anni e quattro mondiali in bacheca, e del nuovo pilota della Rossa, il monegasco Charles Leclerc, secondo driver più giovane di sempre a vestire i colori della Ferrari. La prima monoposto nata sotto la gestione di Mattia Binotto come team principal ha subito entusiasmato il tedesco: «Non ho la tuta e non posso mettermi nell'abitacolo. Ma non vedo l'ora di salire sull'auto e partire, ogni volta è un'emozione incredibile». «Sono molto emozionato di partire con questa nuova avventura», ha detto il neoferrarista Leclerc. «Ho sempre sperato di salire su quest'auto, sono cresciuto nella Ferrari Driver Academy», un'esperienza che «mi ha aiutato enormemente a crescere».

LEGGI ANCHE: Chi è il nuovo team principal della Ferrari Mattia Binotto

Essere Ferrari, ha detto invece il presidente della Ferrari John Elkan nel corso della presentazione, significa «l'orgoglio di una squadra che riesce a unire un intero Paese e rappresentare il meglio dell'Italia per la voglia di inventiva, l'innovazione, l'intraprendenza e il cuore, che è rosso Ferrari». «Essere Ferrari significa essere squadra. Iniziamo un importante stagione, un decennio che ci porta ai nostri 100 anni. Abbiamo bisogno di vincere tutti insieme».

CAMILLERI E LA RESPONSABILITÀ DEL 90ESIMO ANNIVERSARIO

«Quest'anno celebriamo il 90esimo anniversario», lo aveva anticipato l'amministratore delegato Louis Camilleri, aprendo la cerimonia di presentazione della nuova monoposto. «Siamo ben consapevoli della responsabilità che comporta la nostra storia gloriosa e capiamo bene che ci sono grandi aspettative. Rappresentiamo l'orgoglio della nazione, milioni di tifosi. È una responsabilità che accettiamo con gioia, con fiducia nel talento di uomini che e donne che lavorano instancabilmente per rendere realtà le nostre ambizioni».

15 Febbraio Feb 2019 0700 15 febbraio 2019
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso