Liverpool Bayern Monaco Champions League

Perché non bisogna sottovalutare il Bayern contro il Liverpool

La crisi tra settembre e novembre è superata. I tedeschi arrivano agli ottavi di Champions con 11 vittorie nelle ultime 13 partite in tutte le competizioni. Identità tattica e gioco ritrovati. Klopp è avvisato.

  • ...

L’autunno è lontano, e non è solo una questione di tempo. Il Bayern Monaco di Niko Kovac ha incontrato le prime difficoltà della stagione a cavallo tra settembre e ottobre 2018, con quattro partite consecutive senza vittoria; l’altro periodo di crisi è arrivato a novembre, ancora tre match negativi in Bundesliga. Sembrava la fine dell’epoca d’oro bavarese, del ciclo iniziato con il Treble di Jupp Heynckes e poi proseguito con i trionfi di Pep Guardiola e Carlo Ancelotti: gli addii annunciati di Arjen Robben e Franck Ribery, il Borussia Dortmund che scappa in campionato, il tecnico croato a un passo dall’esonero. Tutto dimenticato, o comunque ridimensionato: il Bayern ha recuperato moltissimi punti al Borussia (ora i gialloneri sono solo a +3) e arriva da 11 vittorie nelle ultime 13 partite in tutte le competizioni.

Kovac ha rimesso a posto il sistema di gioco puntando sulla semplicità: difesa a quattro, centrocampo fluido – sospeso tra il doble pivote e un terzo uomo che si muove con libertà sulla trequarti – e due esterni dietro l’unica punta. Sembra essere arrivato pure il momento per l’inevitabile ricambio generazionale: Serge Gnabry e Kingsley Coman si stanno imponendo come laterali d’attacco, James Rodríguez e Leon Goretzka si integrano con Thiago Alcántara, Niklas Süle è diventato il perno della difesa.

EQUILIBRI MOLTO PIÙ RISICATI RISPETTO AL SORTEGGIO

Il doppio confronto con il Liverpool negli ottavi di finale di Champions league potrebbe essere meno scontato del previsto, perché nel frattempo il Bayern ha ritrovato se stesso. O meglio: ha costruito la sua nuova identità, ha integrato gli uomini chiave del passato ai protagonisti del futuro, in un gioco lineare ed efficace. Il sorteggio di dicembre aveva disegnato una sfida troppo sbilanciata a favore di Jürgen Klopp e dei suoi uomini, ora gli equilibri potrebbero essere molto più risicati. L’autunno è finito da un po’, dopotutto.

19 Febbraio Feb 2019 1630 19 febbraio 2019
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso