Euro 2020 Italia Finlandia Risultato Kean

La piccola rivincita scandinava dell'Italia riparte da Kean

Eliminati dalla Svezia nella corsa al Mondiale 2018, gli Azzurri vincono 2-0 a Udine contro la Finlandia nella prima partita verso Euro 2020: gol del classe 2000 e di Barella.

  • ...

La corsa verso Euro 2020 è iniziata con una piccola rivincita scandinava, anche se la consolazione è magra: l'Italia, sbattuta fuori dalla Svezia a un passo dal Mondiale 2018, è ripartita nella prima partita di qualificazione all'Europeo vincendo contro la Finlandia 2-0 a Udine. I gol: nel primo tempo al 7' Nicolò Barella ha sbloccato la sfida complice una deviazione, nella ripresa al 29' Moise Kean ha chiuso i conti: prima rete di un classe 2000 con la maglia della Nazionale.

KEAN: «IMPARO DA CR7, HO ANCORA TANTI RECORD DA BATTERE»

Kean ha poi commentato così: «Mi alleno con continuità e cerco di farmi trovare pronto. Il gol è stato una grandissima emozione». Intervistato da RaiSport, ha detto: «È anche merito di Cristiano Ronaldo questo gol? Certo, è impossibile non imparare accanto a un campione così: ogni giorno guardo e imparo da lui. Ho fatto meglio di Gianni Rivera? È un motivo in più per lavorare: ci sono ancora tanti record da battere e sono pronto a farlo».

ESORDIO PER ZANIOLO, QUAGLIARELLA ENTUSIASMA E SFIORA IL GOL

L'Italia di Roberto Mancini ha fatto esordire anche un altro giovane talento, Nicolò Zaniolo. L'usato sicuro Fabio Quagliarella non è partito dall'inizio - al suo posto preferito Ciro Immobile, che non ha brillato ma ha fornito l'assist del secondo gol a Kean -, ma quando è entrato, tra l'ovazione del pubblico friulano che non l'ha dimenticato dai tempi dell'Udinese, è sembrato scatenato, a dimostrazione del suo magic moment che dura da due anni, con 40 reti in Serie A con la maglia della Sampdoria: il gol gli è stato negato da una gran parata di Hradecky su un colpo di testa dopo il cross di Federico Bernardeschi, poi la traversa ha detto di no a uno dei suoi tiri fulminanti.

23 Marzo Mar 2019 2237 23 marzo 2019
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso