Giro Quinta Tappa Vincitore Ackermann

Il Giro perde Dumoulin mentre vince ancora Ackermann

L'olandese, tra i favoriti, si ritira. A Terracina la spunta il tedesco sotto la pioggia. Accuse di doping su Petacchi: la Rai sospende l'ex sprinter dal ruolo di commentatore.

  • ...

La notizia del giorno è che Tom Dumoulin si è arreso: il suo Giro d'Italia è già finito. L'olandese della Sunweb, dopo la rovinosa caduta del 14 maggio, non ha preso il via alla quinta tappa di Frascati, vinta allo sprint - dopo 140 chilometri sotto la pioggia - dal tedesco Pascal Ackermann (al bis, dopo Fucecchio).

PROBLEMA AL GINOCCHIO PER L'OLANDESE

Dumoulin, vincitore del Giro nel 2017, ha spiegato così le ragioni della sua decisione: «Prima della tappa ho provato a pedalare sui rulli, nella mia stanza d'albergo. Ho voluto stringere i denti, ma il ginocchio mi fa troppo male: non riesco a stare sui pedali, dunque non avrebbe senso insistere. Posso muovere la gamba, ma purtroppo non posso forzare: non sono in grado di gareggiare a questi livelli come vorrei». Il Giro ha perso quindi un sicuro protagonista, ma anche un aspirante al podio (obiettivo minimo) di Verona. «Per me è terribile lasciare», ha aggiunto, «sono triste. Mi sono preparato per mesi a questo appuntamento e alla fine non è andata come volevo. Adesso mi prendo qualche giorno di riposo, riassorbirò la botta, poi decideremo il da darsi assieme alla squadra».

Dumoulin si è ritirato dal Giro.
Ansa

In gara Ackermann ha rimontato Fernando Gaviria e trionfato sul traguardo. Il campione italiano Elia Viviani non ha partecipato alla volata finale, rallentando a qualche centinaio di metri dalla linea dell'arrivo. Al terzo posto si è piazzato il francese Arnaud Démare, quarto l'australiano Caleb Ewan, quinto Matteo Moschetti.

L'INCHIESTA SUL DOPING ARRIVA ANCHE QUI

Intanto l'operazione pulizia dell'Uci è arrivata anche qui. Kristijan Koren, gregario di Vincenzo Nibali alla Bahrain-Merida, è fra i corridori fermati dall'Unione ciclistica internazionale dopo gli sviluppi dell'inchiesta doping denominata Aderlass e scattata in seguito alle accuse di trasfusioni del sangue da parte di alcuni atleti. Subito sospeso il corridore.

PETACCHI SOSPESO DALLA RAI

Fra i coinvolti ci sono anche il ds della Bahrain-Merida, Borut Bozic, e l'ex corridore Alessandro Petacchi - oggi commentatore tivù - insieme con il croato Kristijan Durasek (Uae Emirates). Petacchi si è difeso davanti ai microfoni della Rai - che lo ha sospeso per il momento - sostenendo di avere appreso da una mail dell'indagine: «Sembra abbia avuto contatti con il dottor Schmidt. Ribadisco di non averlo mai conosciuto: non ho mai nemmeno parlato con lui. Lo stesso Stanga, mio manager alla Milram, ha dichiarato di non averlo mai conosciuto. Ho già contattato il mio avvocato, voglio chiarire presto e tornare a seguire il Giro con voi».

Ci siamo guardati in faccia e abbiamo convenuto che Petacchi non potesse avere la necessaria serenità per continuare il proprio lavoro

Il direttore di RaiSport Auro Bulbarelli

Sulla vicenda ha detto la sua anche il direttore di RaiSport, Auro Bulbarelli: «Stamattina a Petacchi è arrivato un comunicato da parte dell'Uci che lo informava di un'indagine. Ci siamo guardati in faccia e abbiamo convenuto che Petacchi non potesse avere la necessaria serenità per continuare il proprio lavoro. Tornerà in Toscana, per fare chiarezza e capire: se la vicenda non subirà ulteriori aggravamenti, lui sa che può sempre tornare con noi anche durante il Giro».

CLASSIFICA GENERALE DOPO LA QUINTA TAPPA

  1. Primoz Roglic (Slo) in 19 h 35' 04" (km percorsi 798,8 media km/h 40,787)
  2. Simon Yates (Gbr) a 00'35"
  3. Vincenzo Nibali (Ita) a 00'39"
  4. Miguel Angel Lopez (Col) a 00'44"
  5. Diego Ulissi (Ita) s.t.
  6. Rafal Majka (Pol) a 00'49"
  7. Bauke Mollema (Ola) a 00'55"
  8. Damiano Caruso (Ita) a 00'56"
  9. Bob Jungels (Lux) a 01'02"
  10. Davide Formolo (Ita) a 01'06"
  11. Victor De La Parte (Spa) a 01'10"
  12. Pello Bilbao (Spa) a 01'16"
  13. Hugh Carthy (Gbr) s.t.
  14. Esteban Chaves (Col) s.t.
  15. Richard Carapaz (Ecu) a 01'21".
15 Maggio Mag 2019 2047 15 maggio 2019
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso