Sabbia Spiagge Sardegna Multa
8 Agosto Ago 2018 1444 08 agosto 2018

Perché non si può rubare la sabbia delle spiagge in Sardegna

Nel 2017 sottratte 5 tonnellate di arena dai litorali. La Regione ha stabilito sanzioni da 500 a 2 mila euro per chi la raccoglie come souvenir. E l'ambasciata tedesca avvisa i turisti in vacanza in Italia.

  • ...

L'aveva intimato il governo tedesco ai suoi sandaluti turisti. Anche se la bacchettata sulle dita (e nel portafoglio) alla fine l'ha presa un 40enne del Regno Unito, di origini napoletane, pescato con le mani nel secchiello e una boccetta in tasca: guai a chi tocca la sabbia delle spiagge in Sardegna. Il souvenir è costato la bellezza di mille euro di multa ma per il malcapitato, pizzicato dai carabinieri in un arenile non precisato nelle vicinanze di Olbia, la sanzione avrebbe potuto essere anche più salata.

CINQUE TONNELLATE DI SABBIA RUBATE NEL 2017

«Che vuoi che sia un sacchetto di sabbia come ricordo della meravigliosa estate sulle spiagge di Stintino o di Arzachena?» Vi starete chiedendo. Beh si dà il caso che la brutta abitudine, solo apparentemente innocua e poetica, abbia sedotto un po' troppi villeggianti: nella scorsa estate dalle spiagge sarde sono state prelevate circa 5 tonnellate di sabbia. E solo nel 2017 all’aeroporto di Alghero ne sono stati sequestrati oltre 2 quintali. Un fenomeno che si traduce in un danno ambientale impossibile da trascurare, sul quale il Wwf con la campagna «l'ultima spiaggia» sta cercando di mettere un argine e che ha spinto anche la Regione a intervenire prevedendo misure punitive per i "predoni" del litorale.

FINO A DUE MILA EURO DI MULTA

La Sardegna ha infatti ha vietato qualsiasi tipo di raccolta dalle spiagge, anche solo in quantità minima, con multe da 500 a 3mila euro in caso di infrazione, quando (ad esempio) guidare e parcheggiare auto e moto sugli arenili (azione altrettanto destabilizzante nei confronti dell’ecosistema) può arrivare a sborsare al massimo 600 euro. Una misura che rende l'idea di come il problema stia molto a cuore a cittadini e istituzioni.

IL MONITO DELL'AMBASCIATA TEDESCA

L'ambasciata di Berlino - Auswärtiges Amt - ha richiamato i tedeschi sul furto di sabbia nell'isola. Un monito scritto sulla pagina Facebook. «La Sardegna», si legge nel post, «ha alcune delle spiagge più belle d'Italia, come ad esempio qui nella baia di Cala Goloritzè (di cui è allegata la foto). Ma il trasporto di sabbia, pietre e molluschi costituisce un grave problema ambientale. Si tenga quindi presente il divieto». Bagnante avvisato...

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso