A colpo d’occhio
6 Novembre Nov 2018 0057 06 novembre 2018

Elisa Isoardi lascia Matteo Salvini: "L'amido fuggente"

  • ...
Ama, stira, lascia: Elisa Isoardi al posto di Julia Roberts

Non si può lasciarsi scappare la notizia del giorno: Elisa Isoardi e Matteo Salvini si sono lasciati. Le polemiche fra loro, già scoppiate, come spesso in circostanze del genere, non ci toccano. Sono molto più interessanti i commenti del popolo di Twitter, che vanno dalla semplice ironia alla parodia dei titoli di celebri film. Che talvolta sono dei capolavori. Ecco di seguito qualche assaggio selezionato per voi.

La Isoardi lascia Salvini. A noi.

Poteva almeno citare de Andrè: “E’ stato meglio perdersi che non essersi mai incontrati”

Ho un sogno nel cuore: la Isoardi che si fidanza con Keita Balde, interista e senegalese.

Salvini nuovamente single, ma non sarà mai un buon partito.

Isoardi: “Matteo era poco presente”. Non in tv, radio, social, giornali, piazze e piazzette. A non vederlo eri solo tu.

Indovina chi stira a cena.

Bella ciao.

L’amido fuggente.

L’amore è eterno finché ruspa.

Il sesto senso.

Sedotta e rimpatriata

Quasi amici.

Pensavo fosse amore, invece era un cafone.

Spqr: stiravo per quel rincoglionito.

Il polsino si stira sempre due volte.

La ragazza con il pistola.

Romanzo Viminale.

E. T. mollo

Panni collaterali.

Sotto il lenzuolo, niente

Quando i ministri avevano le corna.

Volevo solo dormirle addosso.

C’eravamo già lasciati.

Il ministro cerca moglie.

Cinquanta sfumature di Giggì.

Ama, stira, lascia.

Quella sporca dozzina (di camicie non stirate).

Via col vento (del cambiamento)

C’eravamo tanto postati.

Se mi lasci ti instagrammo.

Prendi la trasmissione e scappa.

Pirla con lei.

Felpe verdi stropicciate alla fermata di Palazzo Chigi.

Divorzio alla padana.

Bello onesto, emigrato Padania, sposerebbe compaesana illibata.

Non è un Paese per becchi.

Mamma, ho perso Matteo.

Cuori nella tempesta (di Belluno)

Stiro quando voglio.

Il Marchese del Selfie, parodiando Alberto Sordi. Oppure si può scegliere anche il grande Fellini riveduto e corretto: Il dolce vita (da stirare da solo)

Il marchese del Selfie.

Appretti alla padana.

M.S.S.S"- Cioè: "...che mi hai portato a fare sopra a Instagram se non mi vuoi più bene?

Una ruspa chiamata desiderio.

Chissà perché Capitàno tutte a me.

Io stiriamo che me la cavo.

La maschera di ferro. Da stiro.

C’eravamo tanto twittati.

Ventimila pieghe sotto i capi.

Chi trova un ministro trova un tesoro.

Il laureat… no, eh?

Culo e camicia. Da stirare.

I soardi secondo Matteo.

Ladri di camicette.

Pannì e Alexander.

She-devil, lei il diavolo.

Il glande freddo.

Matteo non abita più qui,

Il calzino verde.

I vaffanculo che non ti ho detto.

Gli uomini preferiscono le ronde.

In nome del social sovrano.

Tre metri sopra il “ce l’ho duro”.

Il ghigno verde.

Divorzio all’italiana.

Continuavano a chiamarlo Capità.

Lasciami ancora Felp.

Il dolcevita. Da stirare da solo.

Correlati