Americanos43
22 Febbraio Feb 2018 2240 22 febbraio 2018

Brasile, musica e non solo: ecco i video virali

  • ...

I video musicali che in queste settimane, in Brasile, dominano le classifiche su Spotify – e i programmi dedicati ai clip – stanno assumendo un'importanza che va oltre il ristretto mondo delle sette note. Hanno una ripercussione che invade i campi del costume, del rispetto delle minoranze, degli hater sul web, del presunto degrado della musica nazionale, dei meme della Rete.

Andiamo con ordine, iniziando dal fenomeno "Que tiro foi esse?". Puro funk carioca della 21enne Jojo Maronttinni. Conosciuta anche come Jojô e Jojo Todynho – il vero nome é Jordana Gleise de Jesus Menezes – ha ottenuto una discreta notorietá in Rete, in seguito alla partecipazione al video “Vai malandra” di Anitta (all'anagrafe, Larissa de Macedo Machado).

Il pubblico del web ha notato il fisico oversize e il seno gigantesco, aspetti che assieme al colore scuro della pelle hanno scatenato gli odiatori di professione, nel Brasile intero. Insomma il video suddetto ( https://www.youtube.com/watch?v=Qw4uBk7DOa8 ) – uscito negli ultimi giorni del 2017 – é stato protagonista del Carnevale, ispirando divertenti meme sui social network. In pratica si cade come colpiti da una pallottola vagante sulle note del funk (quando si sente lo sparo), ci si riprende, e si posta tutto in Rete. Ormai la funkeira ha raggiunto la fama, é diventata testimonial contro il bullismo che dice di aver subito (e lo crediamo), e dovrebbe comporre la squadra del “Ballando con le stelle” in salsa verdeoro.

Rammentiamo infine che é entrato nella narrazione anche il cantautore Jorge Vercillo: ha cantato la hit in stile melodico, per dimostrare che i suoi ricorrenti strali contro il degrado della musica brasiliana non riguardano la simpatica Maronttinni. L'altro video che ha monopolizzato l'interesse dei media é “Envolvimento” ( https://www.youtube.com/watch?v=lgJOJAmXlBw ), del trio pernambucano Mc Loma e as Gêmeas Lacração. Si tratta di tre giovani pernambucane: la cantante Mc Loma ha solo sedici anni, mentre le cugine gemelle monozigoti – le ballerine Mirella e Mariely – sono pressoché sue coetanee. Ed hanno sdoganato il brega-funk recifense.

In tutti i sensi, visto il forte accento recifense di Paloma Roberta Silva Santos; che é nata appunto a Jaboatão dos Guararapes, Comune dell'interland di Recife. Un accento tanto marcato che ha attirato gli strali della odiatrice brasiliana di professione, Day Mc Carthy da Miami. Per la cronaca, giá fermata negli Stati uniti per fatti di prostituzione. Quest'ultima era giá nota soprattutto per aver chiamato «scimmia» la bambina Titi, figlia del noto attore di Rede Globo, Bruno Gagliasso. Insomma Mc Carthy l'ha definita (con grande fantasia) «scimmia», aggiungendo che «quest'accento é brutto. Questa voce é irritante». In ogni caso, il loro ritmo ha accompagnato il Carnevale, e il loro cachet si é moltiplicato.

E poi non potava mancare il video del 2018 del fenomeno drug queen Phabullo Rodrigues da Silva, in arte Pabllo Vittar. Si tratta di “Paraíso” ( https://www.youtube.com/watch?v=QLlZqHSWj_I ) che il cantante pop e presentatore originario di São Luís inscena insieme al cantor e modello Lucas Lucco (Lucas Corrêa de Oliveira). Inutile dire che anche Vittar é simbolo della lotta contro il bullismo e l'omofobia; il maranhense rivendica di non essere un transessuale (di recente ha esibito in pubblico le parti intime) ma un «um menino gay afeminado». Mentre editoriali delle piú autorevoli testate cercano di comprendere l'origine dell'odio virtuale di cui é oggetto.

Correlati