Back to USSR
21 Novembre Nov 2018 0944 21 novembre 2018

Masha, Putin e la propaganda russa

  • ...

In Putin 4.0 (uscito a marzo di quest'anno http://www.goware-apps.com/putin-4-0-stefano-grazioli/Apre in una nuova finestra ), nel capitolo intitolato Putinofobia, si racconta un po' di come l'Occidente consideri VVP l'incarnazione del Male e di come il presidente russo sia giudicato colpevole di ogni nefandezza possibile, almeno a Ovest di Mosca. A pagina 98 si legge: "manca solo che qualcuno salti fuori con la storia che Masha e Orso sono in realtà un prodotto dei servizi segreti russi per plagiare i bambini di mezzo mondo".

Ecco fatto.

Masha e Orso, il Times: "Il cartone nasconde propaganda russa"

In breve, nota SkyTG24:

Propaganda russa dietro il cartone animato di Masha e Orso: è questa la tesi del TimesApre in una nuova finestra. Secondo gli esperti interpellati dal quotidiano britannico infatti, la bionda bambina e il suo fedele compagno (prodotti da uno studio con sede a Mosca) nasconderebbero in realtà riferimenti e simboli che rimandano a Putin e al Cremlino.

Masha come Putin, Orso simbolo della Russia

La teoria della propaganda russa dietro le avventure della seguitissima coppia (il solo canale YouTube in lingua inglese conta oltre quattro milioni di iscritti) sarebbe confermata dal professor Anthony Glees, esperto di Intelligence e docente all’Università di Buckingham. Secondo lui, "Masha è un personaggio esuberante ma allo stesso tempo cattivo e impavido, parla spesso del suo fisico, del suo peso leggero e non è inverosimile vedere in lei tratti che ricordano Putin". Secondo il Times, inoltre, altri Paesi vicini alla Russia avrebbero riscontrato caratteri propagandistici nei due personaggi. Citando un giornale e un’Università estone, il quotidiano londinese afferma che la Comunication School di Tallin si è lamentata del fatto che Orso sia palesemente il simbolo della Russia e come il suo carattere affettuoso e giocoso sia un tentativo da parte della produzione di rimpiazzare l’immagine negativa della Russia nell’ideale collettivo dei bambini.

Dalla Russia: teoria ridicola

Concetti simili sono stati infine espressi in Lituania, dove un episodio in cui Masha indossa un cappello sovietico e "difende" il suo giardino dai ladri di carote è stato interpretato come un messaggio subliminale di una Russia pronta a difendere i propri confini dagli invasori. Il Times afferma inoltre che la teoria propagandistica è stata commentata dai media russi come "ridicola" e frutto di una "Russofobia" da parte dei Paesi Baltici.

Dovrebbe essere chiaro quindi ormai a tutti che se la Russia con la guerra ibrida, anche d'informazione, ha scelto una una strategia ben precisa, dall'altro lato della barricata si risponde allo stesso modo. In questo caso perfino un po' ridicolo. Basta insomma con la farsa che da una parte ci siano le fake news e dall'altra la pura verità, da una parte gli hacker brutti sporchi cattivi al soldo della nuova Spectra e dall'altra le Carmelitane scalze vergini e pure. Al Cremlino e dintorni non ci sono mai stati santi, ma nemmeno altrove.

Correlati