Chi Web Comincia
30 Novembre Nov 2018 1534 30 novembre 2018

Parlare è facile, sapere veramente è difficile

  • ...


Tanti anni fa, alla scuola di musica dove studiavo batteria, stavo con altre persone ascoltando alcune canzoni.

Parlando con il maestro, questo ci propose di sentire un brano pop.

Al tempo, chi era orientato al rock, chi al funk, chi si avvicinava al jazz, etc., finimmo per snobbare tutti questa canzone che ci venne proposta.

"Va bhe è facile"

"Ma che ci vuole"

"Ma non possiamo concentrarci su qualcosa di più complesso?"

Il maestro non si scompose e disse:

"Ok, allora uno alla volta suonatemela"

Sbagliammo tutti l'attacco della batteria, nessuno di noi fece attenzione ai volumi e qualcuno, addirittura, andò fuori tempo.

Alla fine della prova, il maestro ci guardò e disse: "Tre note e vi cade il castello".

Morale della favola, ed in aggiunta all'immagine del post: essere informati/preparati su un argomento non basta. Dobbiamo sempre verificare le nostre conoscenze in modo empirico.

Il bello della musica è proprio questo, sei convinto di una cosa, poi prendi lo strumento e tante volte NIENTE, quelle note o quel tempo che tu pensavi di saper suonare non esce.

Di certo, non puoi dare la colpa allo strumento. La colpa è tua che non riesci a suonare quella determinata cosa.

Allora, devi fare un grande bagno di umiltà, ti devi rimettere a studiare e per quanto tu possa dire a te stesso di essere preparato, la verità ti viene sempre sbattuta in faccia ogni qual volta tu ci riprovi.

Nella musica, sul lavoro e in tantissime altre cose, mai essere saccenti e verificare sempre concretamente tutto ciò che si presume di sapere.

Ah, dopo un po' di tempo io e gli altri studenti imparammo anche a suonare quel brano "facile". ;-)

Correlati