VoxLIBRI
11 Dicembre Dic 2018 1652 11 dicembre 2018

Rione Serra Venerdí. Imma Tataranni e le trappole del passato - Il nuovo libro di Mariolina Venezia

  • ...
Mariolina Venezia
(scrittrice)

Sinossi: Il quartiere Serra Venerdì fu progettato per ricollocarvi gli abitanti dei Sassi dopo l’esodo forzato degli anni ’50. Ma le utopie degli urbanisti si sono scontrate con la realtà, e Serra Venerdì è diventata Rione Apache. L’omicidio di una compagna di scuola di Imma, seguito da altri sconcertanti avvenimenti, punta il dito sulle fratture mai sanate di una Storia che sembra passare sempre sulla testa dei più deboli, e di una modernità indossata come un vestito troppo stretto. Ma certe cose, la Tataranni non le sopporta! Con l’immancabile tacco dodici percorre la Basilicata in lungo e in largo per ricostruire un episodio di cui si è perso il ricordo, lasciandosi stregare dai paesaggi e ritrovandosi a fare i conti con i propri lati oscuri. Ma questa volta la dottoressa rischia di perdere quanto ha di più caro. E forse c’è lo zampino del bel maresciallo Calogiuri…

Ambientazione – voto 9 - “La Basilicata era lunatica. Proprio. Non lunare, lunatica. D’inverno tutta ingrugnita e malinconica, con quei campi marrone scuro a perdita d’occhio, sfumati all’orizzonte in un velo di nebbia che faceva cadere le braccia. Poi nel giro di un paio di settimane eccola diventare soave e ridente come ci avessero steso sopra un tappeto verde tutto istoriato di fiori, e stavi appena prendendo fiato che te la ritrovavi gialle e arsa come l’inferno.”

La Basilicata, terra suggestiva e poetica, con i suoi paesaggi mozzafiato: da Matera alle Dolomite Lucane, alla Val d’Agri, è sempre presente nella “trilogia poliziesca” (Come piante tra i sassi, Maltempo, Rione Serra Venerdì) di Mariolina Venezia.

Scuola elementare rione SERRA (Matera)
(particolare progetto)

Il suo ultimo lavoro, Rione Serra venerdì, che prende il nome da un quartiere materano, è un viaggio nella memoria di questa terra. Si toccano gli anni Settanta, ma anche il periodo in cui gli abitanti dei sassi furono portati ad abitare nei rioni.

La città di Matera, famosa in tutto il mondo per le sue case scavate nel tufo, finì sulle cronache nazionali nel 1945, dopo l’uscita del romanzo di Carlo Levi “Cristo si è fermato ad Eboli”, che la descriveva come una città di appestati eppure bellissima e pittoresca, passando successivamente da vergogna d’Italia a Patrimonio dell’Unesco nel 1993, alla recente nomina di Capitale Europea della Cultura.

Matera

Personaggi – voto 9 - Immacolata (Imma) Tataranni, Sostituto Procuratore di Matera, è una donna dall’aspetto particolare: alta 1 metro e poco più, ha la quinta di reggiseno, i capelli crespi rossi che tinge spesso da sola, veste in modo inappropriato e non rinuncia mai al tacco 12.

Irriverente, cinica, ribelle, soprannominata la Calamity Jane della Basilicata, in questa nuova avventura la Tataranni, deve indagare sulla morte di Stella Pisicchio, sua compagna di scuola. Al suo fianco l’attraente maresciallo Ippazio Calogiuri.

Ad aspettarla a casa, lontano dalle rogne della Procura, l’affettuosissimo marito Pietro, e sua figlia Valentina, in piena crisi adolescenziale.

Rione Serra Venerdí. Imma Tataranni e le trappole del passato
copertina libro (Einaudi, pagg. 280, € 17,50)

Giudizio – voto 9 - Dopo il successo di “Mille anni che sto qui“ , (Premio Campiello 2007) romanzo che ripercorre dall’Unità d’Italia ai giorni nostri, le vicende straordinarie e quotidiane della famiglia lucana Falcone, la scrittrice lucana Mariolina Venezia, ha dato prova della sua bravura sperimentando anche il genere noir. La fortunata trilogia (diventerà a breve anche una serie televisiva) vede protagonista, la piemme più chiacchierata del Sud, Imma Tataranni. Con uno stile semplice e coinvolgente, e con una sottile ironia, la Venezia ci consegna un nuovo giallo accattivante ambientato nella sua terra la Basilicata.

Consiglio all’acquisto: si. Le avventure di Imma arriveranno presto sul grande schermo. Non fatevi trovare impreparati, leggete anche i due libri precedenti (Come piante tra i sassi e Maltempo). Vi avviso ! La Tataranni crea dipendenza.

Correlati