21 Giugno Giu 2018 1916 21 giugno 2018

Pinguini, dove vivono

  • ...

Appartenenti alla famiglia degli sfenisciformi, i pinguini, conosciuti per il loro andamento goffo, sono uccelli acquatici atteri, ossia privi della capacità di volare. Tra gli uccelli che meglio si sono adattati alla vita acquatica, i pinguini, grazie soprattutto alla struttura del loro corpo, sono considerati ottimi nuotatori nonché straordinari pescatori.

Leggi anche:"La passeggiata di natale dei pinguini in Giappone"

I pinguini e il loro habitat

Il loro habitat varia a seconda della specie del pinguino. Difatti, se alcuni risiedono tranquillamente in ambienti gelidi, altri prediligono invece habitat più miti. Tutti, in ogni caso, possiedono un'anatomia e una fisiologia che li predispone a trascorrere la maggior parte del tempo in acqua; essi necessitano infatti di un luogo dove sia facile procurarsi la giusta alimentazione, per questo motivo si trovano su strati di ghiaccio e vicino a correnti di acqua fredda, in modo da poter cacciare e da potersi alimentare.

La popolazione di pinguini si trova per lo più in Antartide e in tutte le isole ad esso vicine. Tra le aree geografiche, dimora di questi particolari uccelli, si trovano:

  • le Isole Galapagos
  • le coste dell'Antartide e della Nuova Zelanda
  • il Sudafrica
  • ilCile
  • le Isole Subantartiche
  • l'Ecuador
  • il Perù
  • l'Australia meridionale
  • la Patagonia Argentina
  • la Costa ovest dell'America del Sud.

Leggi anche: "La marcia della morte e i numeri sul rischio d'estinzione"

E al polo nord?

Sono in molti a chiedersi come mai i pinguini, che vivono nell'Antartide in condizioni di estremo freddo, non abitino invece al Circolo polare artico, dove la situazione climatica risulta essere analoga.

Una prima precisazione: anche se attualmente non vi sono tracce di pinguini che abitano il Polo Nord, non è vero che non ve ne sono mai stati. Fino al 1844 infatti, quando l’alca impenne (Pinguinus impennis) si estinse a causa della caccia intensiva praticata dalle popolazioni locali, alcune specie di pinguini erano lì presenti. Vari sono stati inoltre i tentativi che, all’inizio del ’900, sono stati fatti, introducendo una piccola popolazione di pinguini reali sia alle isole Lofoten, in Norvegia, sia in Russia. In entrambi i luoghi però i pinguini non sono sopravvisssuti, alcuni uccisi anche dalle popolazioni locali. Da allora nessuno ha più pensato di dover popolare il Polo Nord con animali non nativi di quell’habitat.

Per concludere, le motivazioni per le quali al Polo Nord non si trovano pinguini, sono di carattere evolutivo. Infatti, per quanto alcune specie di pinguini siano capaci di percorrere lunghe distanze, essi non sono in genere animali migratori. La strada da un emisfero all’altro è peraltro troppo lunga affinché questi uccelli possano percorrerla a nuoto, e anche se ne fossero in grado, si troverebbero ad affrontare le correnti calde equatoriali, temperature alle quali i pinguini non possono sopravvivere.

Leggi anche: "Differenze tra Artide e Antartide"

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso