6 Luglio Lug 2018 0927 06 luglio 2018

Come abbronzare le gambe

  • ...

In estate un bel colorito uniforme dona a tutti, regalando quel fascino speciale della pelle baciata dal sole. Le gambe però non sempre sono una zona facile da abbronzare, perché succede che restino più chiare rispetto al resto del corpo. Con un po’ di pazienza nell’esposizione al sole e prendendosi cura della pelle prima e dopo la tintarella, l’effetto desiderato è garantito.

Prima di esporsi al sole

È fondamentale preparare bene la cute prima di fare i tanto desiderati bagni di sole. Qualche giorno prima è una buona idea fare uno scrub. Esfoliare è un gesto essenziale per rimuovere lo strato superficiale di cellule morte, rendendo l’epidermide una tela bianca su cui ricevere l’abbronzatura. L’esfoliazione va fatta con movimenti circolari delicati, che partono dalle caviglie e risalgono lungo le gambe. Infine si elimina il prodotto con acqua fredda e si stende una crema idratante.

Durante la tintarella

Ora che la base è pronta, finalmente ci si può rilassare al sole. Se ci si abbronza al mare o in piscina, un metodo per ridurre i tempi di esposizione aumentando l’intensità dei raggi, è quello di stendersi il più vicino possibile all’acqua. Naturalmente è importante girarsi spesso e cambiare posizione per ottenere una tintarella omogenea sul corpo e in particolare sulle gambe. Mai dimenticare la protezione solare, che si può scegliere con un SPF diverso a seconda della zona, in grado di proteggere la pelle, idratarla e magari accelerare l’abbronzatura.

Leggi anche "come abbronzarsi velocemente"

Non dimenticare il doposole

Dopo aver ottenuto un buon risultato, mai dimenticare il trattamento doposole. Dopo la doccia, stendere più volte sulla cute una crema doposole, per ridonare idratazione e rinforzare le difese della barriera cutanea.

Leggi anche "come proteggere la pelle del viso dal sole"

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso