14 Giugno Giu 2018 1906 14 giugno 2018

Ritenzione idrica: cosa fare

  • ...

Non solo un fattore estetico, ma in alcuni casi vera e propria malattia: la ritenzione idrica, accumulo di liquidi nell'organismo, il cui segno evidente è l'edema (ovvero un gonfiore anomalo di determinate zone del corpo che sono maggiormente predisposte), come nel caso del grasso in eccesso, risulta essere molto nociva per la salute. Trattenendo all’interno del corpo troppi liquidi, può provocare infatti gravi danni all’organismo. Lo sanno bene le donne, che, molto più spesso degli uomini, si trovano a combatterla.

Leggi anche: "Come drenare i liquidi alle gambe"

Ritenzione idrica: le cause

Tra le cause delle ritenzione idrica, la cui presenza comporta la comparsa di gonfiore, cellulite e di diversi inestetismi (come la pelle a "materasso" o a “buccia d’arancia") si possono trovare:

  • disfunzioni cardiovascolari o renali, patologie della vescica o del fegato, reazioni allergiche;
  • squilibri dovuti a uno scorretto stile di vita;
  • cattive abitudini alimentari, quale può essere ad esempio un'alimentazione troppo ricca di sale;
  • uno squilibrio del sistema venoso e linfatico, che sfocia in una cattiva circolazione sanguigna;
  • eccedente sedentarietà;
  • fumo, eccesso di alcolici o di caffè;
  • uso farmaci come: antinfiammatori, cortisonici, estroprogestinici;
  • per ciò che concerne le donne, picchi di flussi ormonali, come accade in presenza di mestruazioni o del premeciclo, ma anche in gravidanza. Questi ormoni vanno ad incidere sul modo in cui l'organismo elimina le sostanze di cui non ha più bisogno.

Si tenga presente che la ritenzione idrica, al contrario di quello che si possa pensare, non dipende né dall'età, né dal peso.

Leggi anche: "Cibo ritenzione idrica"

Ritenzione idrica: come combatterla

Prima cosa da fare, sarà quella di appurare se si è realmente di fronte ad un caso di ritenzione idrica.

A tal proposito, una tecnica semplice e veloce, è quella di schiacciare con forza il pollice sulla parte anteriore della coscia per un paio di secondi, se dopo aver alzato il dito, ne rimane ben visibile l’impronta, e bene si, si tratta di ritenzione idrica. Anche una considerevole presenza di cellulite sulle cosce ne può dare la conferma.

Per risolvere in breve tempo il problema e per prevenirlo, ecco alcuni accorgimenti.

  • Anzitutto escludere patologie importanti, quali possono essere insufficienza renale o cardiaca, ipertensione o allergie, che andranno prontamente curate a prescindere dalla ritenzione idrica.
  • Praticare uno sport, come il nuoto, o fare regolarmente passeggiate a passo sostenuto.
  • Evitare di stare a lungo in piedi senza muoversi.
  • No all'uso di scarpe troppo alte o troppo basse per tempi troppo lunghi.
  • Mangiare in modo sano, astenendosi da tutti i cibi salati (come salumi, formaggi stagionati, pesce affumicato, frutta secca) e incrementando invece l'assunzione di frutta, verdura, formaggi freschi, cereali integrali. In particolar modo sarà necessario un dovuto apporto di vitamina C, che aiuterà a proteggere i capillari sanguigni, e di alimenti ricchi di potassio, minerale dal forte potere drenante che andrà invece a favorire l’eliminazione dei liquidi in eccesso.
  • Bere molta acqua oligominerale, almeno un paio di litri al giorno.
  • Per eliminare i liquidi in eccesso, possono poi essere utilizzati prodotti che aumentano la diuresi, come l’uva ursina o l’ippocastano, usato anche per migliorare la circolazione venosa nelle gambe.
  • Sottoporsi costantemente a dei massaggi linfodrenanti che vanno a stimolare la circolazione linfatica, permettendo ai tessuti di andare a drenare i liquidi rimasti ingabbiati nel proprio corpo. Sarà possibile eseguire questo massaggio in modalità fai da te, ogni volta che si applicherà la crema anti cellulite, con movimenti dal basso verso l’altro, dalla caviglia alla coscia, tenendo le dita delle mani ben aperte per incentivare la circolazione tramite una leggera pressione.
  • Sottoporsi alla tecnica del tape kinesiologico, un particolare bendaggio adesivo elastico che viene applicato sulla pelle con il fine di riattivare la circolazione sanguigna e linfatica.

Leggi anche: "Come ridurre la cellulite"

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso